venerdì 09 dicembre | 09:29
pubblicato il 19/ago/2014 12:00

Reggio E., allevatore ucciso e carbonizzato: marocchino confessa

Arrestato un collega di lavoro e amico di famiglia della vittima

Reggio E., allevatore ucciso e carbonizzato: marocchino confessa

Roma, 19 ago. (askanews) - E' crollato nella notte davanti a carabinieri e ha confessato di essere stato lui ad uccidere Andrea Germini, allevatore 32enne, e poi dare fuoco al cadavere. Il corpo era stato trovato ieri mattina nella zona di Castelnovo Monti (Reggio Emilia) in un'area demaniale limitrofa al greto del fiume Secchia, vicino la strada provinciale Gatta-Pianello. Per l'omicidio è finito in manette un marocchino di 28 anni, collega di lavoro e amico di famiglia della vittima, fermato ieri da una pattuglia dei carabinieri vicino al luogo del delitto. Il movente sarebbe la gelosia nei confronti della compagna di Germini. Le indagini sono state svolte dai Carabinieri del Nucleo Operativo della compagnia di Castelnovo Monti e del Nucleo Investigativo del Comando provinciale di Reggio Emilia, coordinati dal sostituto procuratore presso la Procura reggiana Luisa Serranti.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Immigrati
A Pozzallo sbarcati 573 migranti: duecento soccorsi in ipotermia
Papa
Papa: prego per bambini, famiglie che fanno fatica e lavoratori
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina