martedì 24 gennaio | 04:32
pubblicato il 04/apr/2011 14:01

Reggio Calabria, truffa e usura: arrestato genero del boss Molè

Due anni di indagini e 11 arresti della Guardia di Finanza

Reggio Calabria, truffa e usura: arrestato genero del boss Molè

Acquistavano merce di qualsiasi genere, dai condizionatori ai trapani, poi sparivano senza pagare. Sono serviti due anni di indagini alla Guardia di finanza di Reggio Calabria per scoprire la truffa messa in piedi da quattro calabresi. Il sistema si fondava su finte aziende create a Gioia Tauro e a San Ferdinando, intestate a prestanome che si guadagnavano la fiducia di ditte del Nord, truffandole. 11 in tutto gli arresti. La difficoltà è stata capire che tutti quei casi di merce non pagata, non erano isolati come spiega il procuratore di Palmi Giuseppe CreazzoSullo sfondo c'è anche la mano delle cosche calabresi, uno degli arrestati infatti è sposato con la figlia del boss, ora defunto, Domenico Molé, capo per anni dell'omonima cosca.

Gli articoli più letti
Stop alla caccia di tordi e beccacce
Stop alla caccia di tordi e beccacce, appello delle associazioni
Rigopiano
Hotel Rigopiano, bilancio sale a 7 vittime: ancora 22 i dispersi
Maltempo
Maltempo, Sicilia in ginocchio: un morto nel Palermitano
Campidoglio
Roma, riparte maratona bilancio. Ok a emendamenti Giunta Raggi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Digital Magics cede partecipazione in ProfumeriaWeb a Free Bird
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Tutti a Montefalco per l'Anteprima Sagrantino
Turismo
Alla scoperta di Piacenza con Sorgentedelvino Live
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Sugli sci trainati dal drone: arriva il droneboarding
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4