martedì 21 febbraio | 22:25
pubblicato il 04/apr/2011 14:01

Reggio Calabria, truffa e usura: arrestato genero del boss Molè

Due anni di indagini e 11 arresti della Guardia di Finanza

Reggio Calabria, truffa e usura: arrestato genero del boss Molè

Acquistavano merce di qualsiasi genere, dai condizionatori ai trapani, poi sparivano senza pagare. Sono serviti due anni di indagini alla Guardia di finanza di Reggio Calabria per scoprire la truffa messa in piedi da quattro calabresi. Il sistema si fondava su finte aziende create a Gioia Tauro e a San Ferdinando, intestate a prestanome che si guadagnavano la fiducia di ditte del Nord, truffandole. 11 in tutto gli arresti. La difficoltà è stata capire che tutti quei casi di merce non pagata, non erano isolati come spiega il procuratore di Palmi Giuseppe CreazzoSullo sfondo c'è anche la mano delle cosche calabresi, uno degli arrestati infatti è sposato con la figlia del boss, ora defunto, Domenico Molé, capo per anni dell'omonima cosca.

Gli articoli più letti
Omicidio Scazzi
Omicidio Scazzi, ergastolo per Sabrina Misseri e Cosima Serrano
Mafia
Chieti, operazione antimafia dei Carabinieri: 19 arresti
Roma
Fiumicino "si offre" per stadio Roma: 'Qui tutto ciò che serve'
'Ndrangheta
'Ndrangheta, operazione Ros contro cosca Piromalli: 12 arresti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Percorso rapido per emergenze al Fatebenefratelli Roma
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Peroni Senza Glutine sul podio del World Gluten Free Beer Award
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Elicotteri italiani AW-139 in Pakistan, nuovo ordine per Leonardo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia