giovedì 08 dicembre | 17:45
pubblicato il 15/giu/2011 13:17

Reggio Calabria, truffa allo Stato con fatture false: 37 indagati

Società fittizie per incassare soldi pubblici

Reggio Calabria, truffa allo Stato con fatture false: 37 indagati

Due aziende fantasma che emettevano fatture false per operazioni parzialmente o del tutto inesistenti, con movimentazioni bancarie fasulle: tutto per ottenere contributi pubblici che poi servivano a ripianare i debiti di una lussuosa struttura alberghiera calabrese, l"Uliveto Principessa Park Hotel" di Cittanova e della società "Re. Gi. Olearia S.a.s". La truffa è stata scoperta dalla Guardia di Finanza di Palmi e di Taurianova che ha sequestrato 8 società per un valore totale di 30 milioni di euro. 37 gli indagati, a vario titolo, per i reati di truffa, conseguimento di erogazioni pubbliche, falso, emissione ed utilizzo di fatture per operazioni inesistenti. Sono quasi tutti imprenditori e per la maggior parte della stessa famiglia: i finanzieri hanno accertato che la truffa va avanti almeno da 10 anni durante i quali reinvestendo, di volta in volta, le somme ricevute con l'inganno come aiuti pubblici, erano riusciti a mettere in piedi un vero e proprio impero economico.

Gli articoli più letti
Immigrati
A Pozzallo sbarcati 573 migranti: duecento soccorsi in ipotermia
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni