lunedì 05 dicembre | 13:49
pubblicato il 24/lug/2011 12:38

Reggio Calabria, il nuovo carcere è pronto ma manca la strada

La struttura è all'avanguardia, ma resta cattedrale nel deserto

Reggio Calabria, il nuovo carcere è pronto ma manca la strada

Trecento posti, struttura all'avanguardia, laboratori per le attività lavorative interne, campi da calcio, aree verdi: ecco un modernissimo carcere di massima sicurezza. Ma Ad Arghillà, zona collinare a nord di Reggio Calabria, il carcere - di fatto completato - non è mai entrato in funzione. Il perché è presto detto: mancano gli alloggi di servizio, la caserma per la polizia penitenziaria; l'edificio servizi, ma soprattutto manca l'allacciamento stradale per collegare il plesso demaniale alla carreggiata del centro abitato di Arghillà e i relativi impianti fognari, idrici e di illuminazione. Ma non solo: le abitazioni costruite per ospitare il personale sono già state utilizzate per la dislocazione di alcune famiglie rom. L'idea di dotare Reggio Calabria e l'intera regione, di una nuova casa di reclusione, nasce nel 1988, inizialmente doveva essere un carcere di massima sicurezza, poi, però, fu "degradato" a semplice casa circondariale. Il costo dell'opera ammonta a 16 milioni di euro.

Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Festa a Roma con Heinz Beck per i 30 anni del Gambero Rosso
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari