lunedì 20 febbraio | 12:51
pubblicato il 24/lug/2011 12:38

Reggio Calabria, il nuovo carcere è pronto ma manca la strada

La struttura è all'avanguardia, ma resta cattedrale nel deserto

Reggio Calabria, il nuovo carcere è pronto ma manca la strada

Trecento posti, struttura all'avanguardia, laboratori per le attività lavorative interne, campi da calcio, aree verdi: ecco un modernissimo carcere di massima sicurezza. Ma Ad Arghillà, zona collinare a nord di Reggio Calabria, il carcere - di fatto completato - non è mai entrato in funzione. Il perché è presto detto: mancano gli alloggi di servizio, la caserma per la polizia penitenziaria; l'edificio servizi, ma soprattutto manca l'allacciamento stradale per collegare il plesso demaniale alla carreggiata del centro abitato di Arghillà e i relativi impianti fognari, idrici e di illuminazione. Ma non solo: le abitazioni costruite per ospitare il personale sono già state utilizzate per la dislocazione di alcune famiglie rom. L'idea di dotare Reggio Calabria e l'intera regione, di una nuova casa di reclusione, nasce nel 1988, inizialmente doveva essere un carcere di massima sicurezza, poi, però, fu "degradato" a semplice casa circondariale. Il costo dell'opera ammonta a 16 milioni di euro.

Gli articoli più letti
Terremoti
A Norcia consegnate le chiavi delle prime casette post-sisma
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
"Benvenuto Brunello" Guida Rossa Michelin firma piastrella 2016
Turismo
Turismo, Alpitour amplia la rete su Andalusia e Costa del Sol
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
CubSat, attivo primo laboratorio spaziale sperimentale
TechnoFun
Amazon, a tempo di record i lavori per nuovo centro vicino Roma
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia