domenica 19 febbraio | 16:01
pubblicato il 13/dic/2011 14:42

Reggio Calabria, 21 fermi contro esponenti cosca Maio

Prestipino: le mani della 'ndrangheta sull'economia locale

Reggio Calabria, 21 fermi contro esponenti cosca Maio

Reggio Calabria (askanews) - Estorsioni, usura, droga: erano diversi gli affari criminali gestiti dai 21 esponenti della cosca Maio fermati dai carabinieri di Reggio Calabria. Il potere della cosca di San Martino di Taurianova viene raccontata così da Michele Prestipino, procuratore aggiunto della Dda di Reggio Calabria: "Non c'è settore dell'economia di zona che non sia toccato dalla mafia; è una presenza oppressiva ma alimentata da patti collusivi". Durante l'operazione contro la 'ndrangheta sono state notificate anche 5 ordinanze di custodia cautelare a carico di altrettante persone accusate di coltivazione, detenzione e spaccio di marijuana e vicine ai clan.

Gli articoli più letti
Campidoglio
Raggi: vogliamo stadio della Roma ma nel rispetto della legge
Immigrati
Guardia costiera: oggi 358 migranti salvati nel Mediterrano
Cinema
Napoli ricorda Totò a 50 anni da morte con show e set ricreati
Terremoti
A Norcia consegnate le chiavi delle prime casette post-sisma
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
"Benvenuto Brunello" Guida Rossa Michelin firma piastrella 2016
Turismo
Turismo, Alpitour amplia la rete su Andalusia e Costa del Sol
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
SpaceX, rinviato lancio del Falcon-9 dalla piattaforma Nasa 39-A
TechnoFun
Amazon, a tempo di record i lavori per nuovo centro vicino Roma
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia