mercoledì 18 gennaio | 07:44
pubblicato il 13/dic/2011 14:42

Reggio Calabria, 21 fermi contro esponenti cosca Maio

Prestipino: le mani della 'ndrangheta sull'economia locale

Reggio Calabria, 21 fermi contro esponenti cosca Maio

Reggio Calabria (askanews) - Estorsioni, usura, droga: erano diversi gli affari criminali gestiti dai 21 esponenti della cosca Maio fermati dai carabinieri di Reggio Calabria. Il potere della cosca di San Martino di Taurianova viene raccontata così da Michele Prestipino, procuratore aggiunto della Dda di Reggio Calabria: "Non c'è settore dell'economia di zona che non sia toccato dalla mafia; è una presenza oppressiva ma alimentata da patti collusivi". Durante l'operazione contro la 'ndrangheta sono state notificate anche 5 ordinanze di custodia cautelare a carico di altrettante persone accusate di coltivazione, detenzione e spaccio di marijuana e vicine ai clan.

Gli articoli più letti
Bancarotta
Bancarotta, a Reggio Calabria 7 ordinanze cautelari
Cucchi
Cucchi, pm contesta omicidio preterintenzionale a 3 carabinieri
Immigrati
Naufragio nel Mediterraneo, a Trapani 38 superstiti e 4 vittime
Maltempo
Abruzzo ancora al buio, duecentomila persone senza corrente
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Nel 2016 consumi alimentari fuori casa +1,1%, domestici -0,1%
Turismo
Nel 2016 Roma è stata la meta italiana preferita dagli europei
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Moda, nasce Brandamour, nuovo polo del lusso Made in Italy
Scienza e Innovazione
Nell'Universo ci sono almeno due trilioni di galassie
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Dal 26 marzo al via i nuovi voli da Milano-Malpensa