domenica 04 dicembre | 03:30
pubblicato il 29/mag/2013 10:11

Referendum di Bologna sulla scuola, il parere di Bagnasco (Cei)

"Tutte le scuole, anche quelle non statali, sono pubbliche"

Referendum di Bologna sulla scuola, il parere di Bagnasco (Cei)

Genova (askanews) - "Si continua a parlare di scuole pubbliche e di scuole private ma questa dizione è sbagliata per poca conoscenza o per altre intenzioni". questa la posizione del presidente della Conferenza episcopale italiana, il cardinale Angelo Bagnasco che, parlando a Genova a margine di un incontro pubblico ha commentato così l'esito del referendum di Bologna sui finanziamenti pubblici alle scuole paritarie per l'infanzia, in cui i No hanno prevalso con il 58,8%."Mi pare - ha detto Bagnasco - che non sia stata espressa ufficialmente la consapevolezza che, come dice la legge del 2000, esiste un sistema d'istruzione pubblica dove non ci sono solo le scuole dirette dallo Stato ma anche quelle gestite da altri soggetti che però sono riconosciute parte integrante del sistema pubblico".Secondo il rappresentante dei vescovi italiani il vero problema non sta nei finanziamenti, quanto nel riconoscere tutta la scuola nella sua globalità un elemento al servizio dell'apparato educativo dello stato."Bisogna parlare di scuole pubbliche sia che dipendono dallo Stato che da altri enti, che però lo Stato riconosce e garantisce e che pertanto fanno parte del sistema pubblico".

Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari