sabato 03 dicembre | 13:14
pubblicato il 21/lug/2011 12:54

R.Calabria, imponevano acquisto di videopoker truccati: arrestati

I Carabinieri smascherano nuovo modo di estorcere pizzo

R.Calabria, imponevano acquisto di videopoker truccati: arrestati

Con minacce e violenza avevano cercato di imporre ad un imprenditore, gestore di una sala giochi, autorizzata dal Monopolio di Stato, l'utilizzo di un sofisticato software per il poker on line truccato e gestito da loro. Ma il titolare dell'esercizio si è ribellato e ha denunciato le aggressioni ai carabinieri del Comando Provinciale di Reggio Calabria. I militari hanno arrestato tre persone che avevano stretti legami con le cosche della 'ndrangheta del capoluogo come spiega il procuratore della Repubblica di Reggio Calabria Giuseppe Pignatone.I carabinieri nell'ambito delle indagini hanno filmato una lunga serie di violenze nei confronto dell'imprenditore per convincerlo a cedere non solo la sua attività, ma anche le licenze per l'esercizio del gioco on-line.

Gli articoli più letti
Censis
Bullismo, oltre metà 11-17enni ha subìto comportamenti offensivi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari