martedì 21 febbraio | 15:27
pubblicato il 13/dic/2014 16:57

Ragusa, Veronica Panarello chiede di assistere a funerale Loris

E ai familiari rinnova l'appello: "Non mi abbandonate"

Ragusa, Veronica Panarello chiede di assistere a funerale Loris

Palermo, 13 dic. (askanews) - Veronica Panarello ha chiesto di potere partecipare ai funerali del figlio Loris Stival. A confermarlo è stato il legale della donna, Francesco Villardita, che oggi è andato nel carcere di Piazza Lanza a Catania per incontrare la donna per la quale il gip Claudio Maggioni ieri ha convalidato il fermo con l'accusa di omicidio aggravato e occultamento di cadavere.

Al momento non si conosce la data in cui le esequie del bambino verranno celebrate, dato che la salma non è stata ancora riconsegnata alla famiglia, per consentire tutti gli accertamenti scientifici utili alle indagini, ma è plausibile che esse venga restituita ai familiari all'inizio della prossima settimana.

Dalla sua cella d'isolamento, inoltre, la donna ha rivolto un appello ai familiari, affinchè "non la abbandonino", e le portino in carcere biancheria di ricambio.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Omicidio Scazzi
Omicidio Scazzi, ergastolo per Sabrina Misseri e Cosima Serrano
Mafia
Chieti, operazione antimafia dei Carabinieri: 19 arresti
Taxi
Sciopero Taxi, base prepara blitz a Roma. Delrio: regolamentare
Roma
Roma, grave il bimbo di 3 mesi rapito dal padre a Monterotondo
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ictus, movimento e linguaggio tra le funzioni più colpite
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Olio extravergine, a Sol d'Oro Emisfero Nord Italia batte Spagna 12 a 3
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Onde gravitazionali, inaugurato a Cascina l'Advanced Virgo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia