mercoledì 18 gennaio | 05:32
pubblicato il 25/ago/2011 11:02

Ragazzo ucciso a Taranto, 15 amici di William interrogati da pm

Colpito per errore da cc, Pm Sebastio: Per ora nessun indagato

Ragazzo ucciso a Taranto, 15 amici di William interrogati da pm

Taranto, 25 ago. (askanews) - Sono 15 gli amici di William Perrone, il 19enne di Laterza, nel Tarantino, ucciso l'altra notte per errore da un appuntato dei Carabinieri che lo ha scambiato per un rapinatore. I ragazzi sono stati convocati al comando provinciale dei Carabinieri di Taranto per essere ascoltati dagli investigatori come persone informate dei fatti. La Procura di Taranto cerca di mettere ordine in una vicenda che, da qualunque lato la si guardi resta 'amara', come l'ha definita il procuratore capo Franco Sebastio. "Stiamo indagando. Non ci sono ancora capi di imputazione e, al momento, non ci sono nemmeno iscritti nel registro degli indagati". Secondo una prima ricostruzione degli inquirenti, insieme con William Perrone sul luogo della tragedia ci sarebbero stati altri 4 coetanei che, in queste ore, stanno raccontando cosa sia successo in quei maledetti istanti sulla provinciale numero 15 che collega Laterza a Castellaneta. "Tutte le testimonianze - ha detto Sebastio -, sembrano confermare la nostra prima ricostruzione. Ma è presto per dire come siano andate le cose. Siamo impegnati nella ricerca della verità affinché su questa storia non ci sia alcun dubbio". Dagli accertamenti è emerso che il ragazzo, insieme con i suoi amici, aveva organizzato uno scherzo ad una coppia di altri ragazzi che rientravano alle 2,30 da una discoteca. Così aveva piazzato alcuni detriti sulla provinciale, per costringere gli amici a fermare la vettura. Poi sarebbe sbucato dalla campagna, travestito da rapinatore. Ma invece degli amici, sono arrivati i Carabinieri. La messinscena dei ragazzi era troppo credibile per sembrare uno scherzo. Quando il militare di pattuglia si è trovato di fronte il ragazzo, con il volto nascosto da occhiali, maschera da lavoro e turbante, e una pistola in mano impugnata contro di lui, lo ha scambiato per un rapinatore ed ha sparato. Nella stessa zona, due anni fa, imperversava una banda di criminali che agiva con la stessa tecnica. Fermava le auto di notte mettendo le pietre sulla carreggiata e poi rapinava gli automobilisti. La Procura ha disposto l'autopsia per accertare la dinamica del tragico equivoco che ha portato alla morte del 19enne. L'esame si terrà nelle prossime ore nell'ospedale Santissima Annunziata di Taranto.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Bancarotta
Bancarotta, a Reggio Calabria 7 ordinanze cautelari
Cucchi
Cucchi, pm contesta omicidio preterintenzionale a 3 carabinieri
Immigrati
Naufragio nel Mediterraneo, a Trapani 38 superstiti e 4 vittime
Maltempo
Abruzzo ancora al buio, duecentomila persone senza corrente
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Nel 2016 consumi alimentari fuori casa +1,1%, domestici -0,1%
Turismo
Nel 2016 Roma è stata la meta italiana preferita dagli europei
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Moda, nasce Brandamour, nuovo polo del lusso Made in Italy
Scienza e Innovazione
Nell'Universo ci sono almeno due trilioni di galassie
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Dal 26 marzo al via i nuovi voli da Milano-Malpensa