venerdì 24 febbraio | 04:50
pubblicato il 10/mag/2011 13:52

Racket della prostituzione a Rimini: 21 stranieri arrestati

Gruppo organizzato gerarchicamente: boss, controllore e caporale

Racket della prostituzione a Rimini: 21 stranieri arrestati

Sgominata una vasta rete criminale che gestiva giri di prostituzione a Rimini. Ventuno persone, tra uomini e donne, sono finite in manette nel corso di un'operazione di polizia contro diverse bande accusate di estorsione, lesioni e di favoreggiamento e sfruttamento della prostituzione. Gli arrestati sono tutti stranieri: romeni, bulgari e un cinese.Ogni gruppo criminale era organizzato gerarchicamente: al vertice c'era un boss che dall'estero dirigeva e coordinava il lavoro dei sottoposti tramite 'luogotenenti' che gestivano i profitti illeciti. I 'controllori', poi, sorvegliavano l'operato delle prostitute in termini di tariffe, modalità e tempistiche delle prestazioni sessuali. Infine c'era il 'caporale', una prostituta particolarmente fidata che doveva istruire le nuove leve di volta in volta arruolate dalla banda criminale.

Gli articoli più letti
Maltempo
Allerta protezione civile: in arrivo venti forti al Centro-Nord
Papa
Papa: scandaloso dire "sono cattolico" e riciclare denaro
Ambiente
Scoperta una nuova specie di mammifero: lo scoiattolo meridionale
Berlusconi
Berlusconi a pm: minacce da olgettina, voleva 1 mln per tacere
Altre sezioni
Salute e Benessere
Tribunale malato: per 1 medico su 3 troppo poco tempo per paziente
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Scoperta una nuova specie di mammifero: lo scoiattolo meridionale
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
I 7 gemelli della Terra: il parere dell'astronauta Maurizio Cheli
TechnoFun
Internet of Things: dopo la "nuvola" si studia la "nebbia"
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech