sabato 25 febbraio | 11:26
pubblicato il 04/dic/2012 13:44

Pusher giovanissimi davanti alle scuole a Bagheria: presi

Banda sgominata dai carabinieri di Palermo

Pusher giovanissimi davanti alle scuole a Bagheria: presi

Palermo, (askanews) - Spacciavano davanti alle scuole, vendendo droga a ragazzini della loro stessa età. I carabinieri di Bagheria hanno arrestato sei persone che facevano parte di una banda di pusher giovanissimi, uno addirittura minorenne all'epoca dei fatti. La loro base operativa era un centro scommesse a Casteldaccia da cui hanno espanso sempre di più la loro attività grazie ad atteggiamenti aggressivi e spregiudicati fino a diventare leader nel mercato della droga nella zona di Bagheria.A capo della banda il titolare del centro scommesse, che aveva messo in piedi anche un sistema di vedette per tenere d'occhio la sua attività commerciale e non farla sembrare sospetta. Per questo lo spaccio avveniva in zone e modi sempre diversi. In alcuni casi i pusher portavano la droga a domicilio, con una macchina che faceva arrivare la droga direttamente dal compratore.

Gli articoli più letti
Campidoglio
Roma, medici: Raggi in netto miglioramento, si valuta uscita
Salute
A Giulio Maira il premio Raffaele Marinosci per la Medicina
Cucchi
Cucchi: sospesi da servizio tre carabinieri accusati di omicidio
Papa
Papa: rischiamo una grande guerra mondiale per l'acqua
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech