lunedì 27 febbraio | 00:49
pubblicato il 17/feb/2011 16:34

Punisce alunno e gli fa scrivere "Sono deficiente", condannata

Un anno di carcere per una prof di Palermo, pena condonata

Punisce alunno e gli fa scrivere "Sono deficiente", condannata

Scrivere cento volte sul quaderno la frase "Sono un deficiente": è la punizione inflitta da un'insegnante della scuola media "Silvio Boccone" di Palermo a un alunno di 11 anni, responsabile di un atto di bullismo nei confronti di un compagno. Una misura severa, che risale al 2006, e che alla professoressa di 59 anni è costata la condanna a un anno di carcere con pena sospesa e condono, per abuso di mezzi di correzione. La vicenda finì in tribunale perchè gli psicologi dell'azienda sanitaria, alla quale il ragazzino si era rivolto perchè traumatizzato, si rivolsero alla Procura. La professoressa aveva reagito in modo energico all'atto dell'alunno e di due compagni, che impedivano l'accesso al bagno a un coetaneo accusandolo di essere "una femminuccia, un gay". Assolta in primo grado, la docente è stata condannata in appello a una pena maggiore delle richieste dell'accusa: gli avvocati ricorreranno in Cassazione.

Gli articoli più letti
Biotestamento
Dj Fabo in Svizzera, visite mediche per decidere l'eutanasia
Campidoglio
Roma, Colomban: progetto taglio partecipate senza licenziamenti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech