domenica 04 dicembre | 17:33
pubblicato il 13/ago/2013 16:27

Puglia: Legambiente, bene stop esercitazioni militari Parco Alta Murgia

Puglia: Legambiente, bene stop esercitazioni militari Parco Alta Murgia

(ASCA) - Roma, 13 ago - ''Accogliamo con vivo apprezzamento la decisione del presidente della commissione Difesa del Senato di annullare le esercitazioni militari a fuoco nel territorio del Parco nazionale dell'Alta Murgia, in programma dal prossimo settembre. Una scelta saggia che fa ben sperare per il futuro delle altre aree protette e dei siti della Rete Natura 2000 dove sono presenti servitu' militari''.

Lo dichiarano in una nota Antonio Nicoletti e Francesco Tarantini, rispettivamente responsabile nazionale aree protette di Legambiente e presidente di Legambiente Puglia - regione che ospita il Parco- chiedendo, al contempo, di istituire un tavolo interministeriale per risolvere il problema delle servitu' militari che gravano sulle aree protette.

''Quello del Parco dell'Alta Murgia - affermano i due ambientalistio - rappresenta, infatti, un primo risultato concreto nella battaglia avviata dal Parco nazionale, e sostenuta da Legambiente e dalle altre associazioni, per dire basta alle esercitazioni militari e per rilanciare una concreta valorizzazione di queste aree sul piano turistico e naturalistico''. Nicoletti e Tarantini sottolineano, inoltre, che ''ogni anno le esercitazioni militari non solo minacciano e danneggiano l'ambiente, ma sono incompatibili con la tutela della natura e dei delicati ecosistemi delle aree naturali protette, un patrimonio naturalistico di cui siamo leader in Europa per superficie protetta. Troppo spesso si dimentica - ammoniscono in due esponenti di Legambiente - che i parchi naturali sono una risorsa preziosa per il Paese, dato che producono il 3,2% della ricchezza della Penisola. Rilanciarli e valorizzarli significa contribuire a superare la crisi economica del Paese e a rilanciare le economie locali.

Pertanto chiediamo che sia convocato un tavolo nazionale congiunto tra ministero dell'Ambiente e della Difesa per risolvere una volta per tutte la spinosa questione delle servitu' militari che gravano sulle aree protette''. stt/lus

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari