domenica 22 gennaio | 07:46
pubblicato il 24/giu/2013 14:39

Protezione civile: Serracchiani (Fvg), favorire dialogo Stato-Regioni

Protezione civile: Serracchiani (Fvg), favorire dialogo Stato-Regioni

(ASCA) - Palmanova (Ud), 24 giu - La necessita' di creare una rete tra Regioni italiane e parallelamente costruire un dialogo tra i diversi Stati in Europa per saper affrontare non solo i momenti dell'emergenza ma soprattutto ragionare in un'ottica di prevenzione e' stata messa in evidenza, oggi a Palmanova, dalla presidente della Regione, Debora Serracchiani, intervenuta al formale passaggio di consegne tra la Provincia Autonoma di Trento e il Friuli Venezia Giulia nel coordinamento della Commissione speciale Protezione civile in seno alla Conferenza delle Regioni e delle Province autonome.

All'incontro hanno preso parte il responsabile del Dipartimento nazionale della Protezione, il prefetto Franco Gabrielli, e il vice Vincenzo Spaziante, assieme agli assessori alla Protezione civile delle Regioni italiane, tra i quali Paolo Panontin del Friuli Venezia Giulia.

Serracchiani ha definito ''momento importante'' il passaggio di consegne, perche' ''con orgoglio possiamo affermare che la protezione civile in Friuli Venezia Giulia e' una chiara eccellenza'', presa a modello non solo in Italia ma che ''ci viene emulata anche in un tentativo europeo di mettere in piedi una protezione civile che faccia dialogare tra loro gli Stati non solo nei momenti dell'emergenza ma anche sul piano della prevenzione''.

Nel rivolgere un ''doveroso e sincero grazie a tutta la struttura'', guidata dal direttore Guglielmo Berlasso, e idealmente ''a ciascuno dei quasi diecimila volontari, tra donne e uomini'', la presidente, pensando anche alle scosse di terremoto di queste ultime ore in Lunigiana, ha parlato di ''emergenze che non finiscono piu''' e, dunque, della necessita' di essere ''pronti a tutto''.

''E' chiaro che questo tavolo di coordinamento - ha affermato Serracchiani - e' utile se ci permette di creare una rete per costruire tutti i processi necessari per far si' che questo nostro territorio sappia reagire nelle diverse situazioni che sono il frutto anche di una fragilita' dovuta a scelte sbagliate, in termini di urbanizzazione, consumo del suolo, disboscamento''.

''Un tavolo da cui - questo l'auspicio della presidente del Friuli Venezia giulia - si possa sviluppare una collaborazione tra realta' regionali sempre piu' forte, coesa e utile alle nostre comunita'''.

fdm/res

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Incidenti stradali
Schianto bus ungherese, a bordo 15-16enni in gita in Francia
Maltempo
Hotel Rigopiano, Prefettura Pescara: 23 i dispersi segnalati
Incidenti stradali
Pullman ungherese si schianta e prende fuoco in A4, 16 morti
Maltempo
Rigopiano, proseguono ricerche: bilancio 9 in salvo, 4 vittime
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4