martedì 24 gennaio | 18:41
pubblicato il 01/ott/2013 20:10

Protezione Civile: conclusa a Vilnius riunione Direttori Generali Ue

Protezione Civile: conclusa a Vilnius riunione Direttori Generali Ue

(ASCA) - Roma, 1 ott - Valutare lo stato di avanzamento della negoziazione tra i Paesi sulla proposta legislativa di revisione della normativa di protezione civile europea, discutere della revisione del funzionamento del Fondo di solidarieta' europeo in caso di disastri, confrontarsi sulla nuova organizzazione e sulla capacita' di risposta dell'Emergency Response Centre (ERC) in caso di catastrofi gravi e multi-dimensionali al fine di garantire il necessario supporto ai singoli Stati membri. Sono stati questi gli argomenti centrali posti sul tavolo della 31esima riunione dei Direttori Generali di protezione civile dell'Unione Europea, tra i quali il Capo del Dipartimento, Franco Gabrielli, dell'Area economica europea e di Paesi candidati, riuniti oggi a Vilnius sotto la presidenza lituana. In particolare, precisa il Dipartimento della Protezione Civile, sono state presentate diverse proposte con l'obiettivo di sviluppare ulteriormente l'Emergency Response Centre: si e' discusso della possibilita' di estenderne l'attivazione per missioni di cooperazione tecnica - come avvenne nel 2012 in seguito al naufragio della Costa Concordia, quando al Giglio vennero alcuni esperti francesi e olandesi con il compito di osservare quanto si stava facendo per cercare le persone ancora disperse - per finire con l'ipotesi di creare una comunita' di tecnici europei per migliorare il legame tra il mondo accademico e quello operativo di protezione civile.

I Direttori Generali, inoltre, si sono nuovamente confrontati - riprendendo quanto discusso nell'ultimo meeting svoltosi a Dublino lo scorso maggio - sul se e come sia possibile pianificare la disponibilita' di moduli di pronto intervento, costituiti da risorse messe a disposizione su base volontaristica dai singoli Stati membri, in grado di intervenire tempestivamente laddove necessario.

''Sicuramente, sono le autorita' di protezione civile dei singoli Stati ad avere la primaria responsabilita' di proteggere i propri cittadini, conoscendo il territorio e avendo fatto esperienza dei disastri e degli errori del passato'' ha detto il Prefetto Gabrielli. ''Tuttavia, creare una specie di pool volontario di risorse predefinite, in grado di arrivare immediatamente da altri Stati in caso di bisogno, credo sia qualcosa su cui investire da subito.

Ritengo, infatti, che con il supporto dell'Unione Europea potremmo diventare ancor piu' efficienti nella risposta in emergenza rispetto a quanto siamo gia' oggi''.

com-mpd/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
'Ndrangheta
'Ndrangheta, operazione "Stammer": 54 persone fermate
Maltempo
Individuato elicottero 118 precipitato nell'aquilano, 6 a bordo
Rigopiano
Hotel Rigopiano, bilancio sale a 7 vittime: ancora 22 i dispersi
Giustizia
Giustizia, da incontro Anm-Ministro Orlando nessun effetto
Altre sezioni
Salute e Benessere
Al via Peter Baby Bio, progetto toscano per omogeneizzati Km zero
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Del Pesce sarà main sponsor di Aquafarm 2017
Turismo
Alla scoperta di Piacenza con Sorgentedelvino Live
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio, Pasquali: Leonardo pronta a cogliere opportunità sviluppo
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4