sabato 10 dicembre | 08:38
pubblicato il 11/dic/2013 19:50

Proteste: Calvani, andremo a Roma e ci riprenderemo nostro Stato (1 Upd)

(ASCA) - Torino, 11 dic - ''Da tutta Italia andremo a Roma e ci riprenderemo il nostro Stato''. Danilo Calvani, coordinatore nazionale del movimento 9 dicembre, parla a Torino in Piazza Castello davanti alla gente dei forconi.

Sono in duemila almeno ad accoglierlo in una fredda serata che chiude un'altra giornata di passione in citta' con blocchi stradali a a macchia di leopardo che hanno messo a dura prova la pazienza degli automobilisti. ''Entro 48 ore al massimo - dice Calvani che sfoggia una sciarpa tricolore ed ha esordito sul palco cantando l'inno d'Italia - potremo dare la data''.

Calvani arriva da Genova con leggero ritardo rispetto alle 18,30 previste, prima di lui il popolo degli ambulanti, degli autotrasportatori, dei disoccupati, dei precari, degli ultra' da stadio, dei giovani e degli studenti che si sono uniti alla protesta dei cosiddetti forconi si era avvicendata al microfono sfogando rabbia nei confronti della politica, esasperazione per condizioni di vita in caduta verticale per effetto di tasse e tariffe varie. Cosa vogliamo'? - grida dal palco Calvani mettendosi subito sull'onda della piazza - cacciare via i parassiti . Se ne devono andare, hanno condannato le nostre famiglie senza processo''.

''Grazie Torino - dice Calvani - L'Italia vi ringrazia milioni di cittadini hanno cominciato ad assaporare il sapore della liberta' che parassiti e usurpatori ci stanno togliendo''. ''La nostra costituzione e' stata violentata - attacca Calvani - tradita e usurpata ''. Nel repertorio di Calvani si sente spesso la parola parassiti , usurpatori, riferita al ceto politico. ''Siamo qui a rappresentare il popolo italiano , senza bandiere politiche e senza sindacati , qui c'e' il popolo italiano - urla Calvani - e l'unica bandiera e' questa'', dice mostrando il tricolore.

''I nostri figli non hanno piu' futuro - prosegue - e una classe di parassiti e delegittimati sta ancora li': via via via''.

''Via, via, via'' gli fa eco la folla. Calvani attacca Equitalia per la cui ''colpa'', dice, ''molti italiani stanno morendo: assassini''. Tocca anche la fiducia al governo Letta: ''Oggi si sta per commettere, o si e' gia' commesso, l'ennesimo colpo di stato, la fiducia''. E naturalmente affronta il tema della violenza: ''Siamo gente civile - assicura Calvani -, siamo la culla della civilta' occidentale, il mondo ci sta guardando''.

''Ci sono stati problemi - ricorda dal palco - chiediamo scusa e ringraziamo le nostre forze dell'ordine'', ma la piazza su questo capitolo non lo segue compatta, ''buuu'', ''buuuu'' di disappunto si levano dai forconi. Calvani cerca di riprendere le redini della piazza: ''In questa citta' - sottolinea - e' successo un evento storico, per la prima volta le nostre forze dell'ordine si sono tolte il casco''. Alcuni gridano Italia, altri continuano a fischiare. Poi l'appello: ''Se fomentiamo violenza riceveremo violenza, comportiamoci bene, non possiamo andare a seminare violenza. Controlliamo la nostra rabbia, siamo meglio di questi assassini''.

eg/mau

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Natale
Albero rosso e oro per il Natale alla Galleria Alberto Sordi
Roma
Trovato a Roma cadavere,potrebbe essere giovane cinese scomparsa
Immigrati
Papa: nel presepe rivediamo dramma dei migranti sui barconi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Europei, Olimpiadi e terremoto, il 2016 su Facebook in Italia
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina