lunedì 05 dicembre | 14:24
pubblicato il 05/mar/2014 12:00

Prosegue polemica Città scienza, De Magistris: non torno indietro

Rammarico per mancata firma Regione su accordo

Prosegue polemica Città scienza, De Magistris: non torno indietro

Napoli, 5 mar. (askanews) - All'indomani della mancata firma sull'accordo per la ricostruzione di Città della scienza, andata distrutta nel marzo scorso, continuano a Napoli le polemiche per l'occasione sprecata di ieri quando era prevista la firma del documento alla presenza del ministro dell'Istruzione Stefania Gianni. Il sindaco partenopeo Luigi De Magistris oggi torna a difendere la bontà dei documenti preparati dal Comune e, a suo dire, condivisi dalla Regione Campania fino a qualche minuto prima della cerimonia avvenuta nel pomeriggio di ieri a Città della scienza. "Siamo molto rammaricati perché l'accordo era stato raggiunto da tempo su due punti centrali: ricostruzione e bonifica - ha rimarcato De Magisgtris - un risultato storico per la città di Napoli perchè, finalmente, c'era l'impegno a individuare in tempi immediati le risorse per la bonifica del sito di interesse nazionale (Sin) Bagnoli-Coroglio, tutela della salute e al risarcimento di una terra violentata. C'è rammarico e rabbia per il fatto che, alla fine, la Regione si è sfilata nonostante - ha aggiunto De Magistris - ci fosse un accordo pieno anche con il governo". Per il sindaco, adesso, bisogna "immediatamente ritrovare quel clima che consenta di chiudere, nelle prossime ore, un accordo che garantisca ricostruzione e bonifica". Mettendo a disposizione dei giornalisti, e dunque della città intera, tutto il carteggio e le email scambiate in questo periodo pre-accordo, De Magistris ha sottolineato: "Carta canta, bisogna che ognuno si prenda le proprie responsabilità. Si è verificato un fatto gravo, ma punto e a capo. Non consentiamo, però, che ci sia una ricostruzione falsa e scorretta della realtà. Dobbiamo tutelare la salute dei cittadini e consentire la ricostruzione di Città ella scienza. Fino a mezz'ora prima dell'accordo c'era un testo concordato che andava esattamente in questa direzione". (Segue)

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Festa a Roma con Heinz Beck per i 30 anni del Gambero Rosso
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari