domenica 22 gennaio | 17:57
pubblicato il 08/mag/2014 12:00

Procuratore De Raho: colpisce persona a vertici Stato agisca così

Che si curi di un condannato per associazione mafiosa e latitante

Procuratore De Raho: colpisce persona a vertici Stato agisca così

Roma, 8 mag. (askanews) - "L'aspetto che colpisce tutti noi nell'ambito di questa indagine è come una persona che abbia ricoperto all'interno dello Stato posizioni di vertice e di responsabilità così significative possa curarsi di un'altra persona condannata per associazione mafiosa a 5 anni di carcere e che si è resa latitante per sottrarsi alla pena". Lo ha detto Federico Cafiero De Raho, procuratore capo di Reggio Calabria, durante la conferenza stampa della Dia dopo l'operazione eseguita questa mattina e che ha portato, tra l'altro, all'arresto dell'ex ministro dello Sviluppo economico, Claudio Scajola, accusato di avere favorito la latitanza dell'ex parlamentare di Forza Italia Amedeo Matacena. "Il fatto - ha aggiunto De Raho - desta grande impressione proprio per le persone che sono coinvolte: il loro modo di agire mostra che quel tipo di condanna (associazione a delinquere di stampo mafioso, ndr.) quasi non significa nulla per coloro che gli sono a fianco e che lo sostengono. Soprattutto in questo territorio, quello calabrese, parliamo di una confusione che esiste tra bene e male, bianco e nero, e questo è uno degli aspetti che più rendono difficile la collaborazione tra i cittadini e lo Stato. I cittadini non sono convinti di quale sia il loro interlocutore e non hanno fiducia nelle istituzioni. Questa è una delle situazioni - ha detto De Rago - in cui si dovrebbe iniziare a pensare diversamente, muovendoci tutti in modo che sempre vengano rispettate legge e demorazia, quei canoni etici che dovrebbero permeare la condotta di tutti". "Si tratta - ha quindi concluso il procuratore capo di Reggio Calabria - di una ordinanza di custodia importante per i soggetti coinvolti e i fatti contestati, ma che deve costituire ulterire momento di riflessione perché la legge è uguale per tutti e noi abbiamo il precetto dell'obbligatorietà dell'azione penale. Non esistono categorie di intoccabili. Tutti sono uguali davanti alla legge".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Maltempo
Valanga hotel Rigopiano, il numero dei dispersi sale a 24
Maltempo
Rigopiano: si continua a scavare sotto la pioggia. Rischio slavine
Papa
Papa: vedremo cosa farà Trump. Mi preoccupa sproporzione economica
Maltempo
Hotel Rigopiano, Curcio: c'è speranza di trovare dispersi vivi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Nuove postazioni di telemedicina italiana no profit in Africa
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4