mercoledì 25 gennaio | 00:52
pubblicato il 07/ott/2013 11:31

Privacy: Censis, 54% italiani vuole norme piu' severe

Privacy: Censis, 54% italiani vuole norme piu' severe

(ASCA) - Roma, 7 ott - La legislazione vigente in materia di privacy e' ritenuta soddisfacente soltanto dal 7,5% degli italiani connessi in rete, mentre sono il 54% coloro che credono sia necessaria una normativa piu' severa, anche mediante l'introduzione di sanzioni piu' dure in presenza di violazioni e la possibilita' di rimuovere dal web eventuali contenuti sgraditi. E' invece scettico il 24,5%, perche' pensa che oggi sia sempre piu' difficile garantire la privacy, in quanto in rete non si distingue piu' tra pubblico e privato. Infine, solo il 14% appare rinunciatario, sostenendo addirittura che sia inutile, perche' con l'avvento dei social network la privacy non puo' piu' essere considerata un valore in se'. Particolare favore riscuote l'ipotesi di introdurre nell'ordinamento giuridico il 'diritto all'oblio': molti sembrano non avere dubbi in merito al fatto che sia legittimo richiedere l'eliminazione dal web di opinioni, informazioni e fotografie del passato che in qualche modo potrebbero ledere la reputazione personale.

Infine, oltre il 70% degli italiani condivide l'affermazione secondo cui ognuno ha il diritto di essere dimenticato: le informazioni personali sul nostro passato potenzialmente negative o imbarazzanti dovrebbero poter essere cancellate dalla rete quando non sono piu' asservite al diritto di cronaca. Questo quanto emerge della ricerca del Censis 'Il valore della privacy nell'epoca della personalizzazione dei media', presentata oggi a Roma da Giuseppe Roma, direttore generale del Censis, e discussa da Luca De Biase, editor d'innovazione de 'Il Sole 24 Ore', Giuseppe De Rita, presidente del Censis, e Antonello Soro, residente dell'Autorita' Garante per la protezione dei dati personali.

Secondo quanto emerso dal Censis, c'e' ancora scarsa dimestichezza con gli strumenti per tutelarsi. Gli atteggiamenti prevalenti sembrano improntati all'apprensione, cui corrisponde pero' un deficit di attenzione. Stenta ancora a radicarsi una matura consapevolezza collettiva. La capacita' di controllo degli strumenti disponibili per difendere la privacy appare modesta. A fronte di una percezione del rischio molto elevata, soltanto una minoranza di utenti di Internet e' effettivamente in grado di adottare una qualche forma di gestione attiva della privacy.

Solo il 40,8% di chi naviga in rete usa almeno una delle misure fondamentali per la salvaguardia della propria identita' digitale (limitazione dei cookies, personalizzazione delle impostazioni di visibilita' dei social network, navigazione anonima). Il 36,7% non ricorre invece a nessuno strumento, mentre il 22,5% si limita a forme passive di autotutela, che a volte implicano la rinuncia a ottenere un servizio via web. Il 40% degli italiani e' disposto ad autorizzare il trattamento dei propri dati personali soltanto ai soggetti di cui si fida, sulla base della condivisione delle finalita' di utilizzo. Infine, quasi il 30% sostiene invece di non essere propenso a farlo a nessuna condizione e soltanto il 17,3%, per contro, si dice pronto ad autorizzarne l'impiego senza particolari difficolta'.

red/rus

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
'Ndrangheta
'Ndrangheta, operazione "Stammer": 54 persone fermate
Maltempo
Individuato elicottero 118 precipitato nell'aquilano, 6 a bordo
Maltempo
Recuperato altro corpo in hotel Rigopiano, vittime salgono a 16
Giustizia
Giustizia, da incontro Anm-Ministro Orlando nessun effetto
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute, ok Camera a mozione contro l'abuso di antibiotici

Roma, 24 gen. (askanews) - "Approvata dalla Camera la nostra mozione contro la resistenza agli antibiotici, un fenomeno che, di questo passo, entro il 2050 potrebbe diventare...

Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Del Pesce sarà main sponsor di Aquafarm 2017
Turismo
Alla scoperta di Piacenza con Sorgentedelvino Live
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio, Pasquali: Leonardo pronta a cogliere opportunità sviluppo
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4