sabato 25 febbraio | 08:00
pubblicato il 06/lug/2013 12:00

Preso Pannunzi, "Pablo Escobar italiano": stasera in Italia

Il narco più ricercato d'Europa,referente 'ndrangheta-Cosa nostra

Preso Pannunzi, "Pablo Escobar italiano": stasera in Italia

Roma, 6 lug. (askanews) - Tra i narcos era considerato il 'Pablo Escobar italiano: importava in Europa fino a 2 tonnellate di cocaina al mese, era il numero uno dei narcotrafficanti d'Europa e per il governo colombiano era l'uomo più ricercato del paese. Roberto Pannunzi, 65 anni, romano, è stato catturato ieri in Colombia, in un centro commerciale a nord di Bogotà, dalle 'teste di cuoio' del gruppo Gaula della polizia nazionale colombiana. L'arresto è stato confermato via twitter dal Ministero della Difesa colombiano: "Congratulazioni per la cattura di Pannunzi, capo dell'organizzazione criminale della 'ndrangheta". Sulle sue tracce, da alcuni giorni, c'erano gli uomini della Direzione antisequestro e antiestorsione della polizia colombiana e i federali della Dea, la statunitense Drug Enforcement Administration. Ma anche gli italiani, con la Direzione centrale per i Servizi antidroga, il Gico della Guardia di Finanza di Catanzaro e il Ros dei Carabinieri che da circa due anni hanno condotto le indagini coordinate dal procuratore aggiunto della Procura-Direzione distrettuale antimafia di Reggio Calabria Nicola Gratteri. Sulla testa di Pannunzi pendevano 4 ordinanze di cattura per traffico di droga e associazione di stampo mafioso ed era classificato dall'Interpol con una 'allerta rosso'. In Italia è stato colpito da un ordine di esecuzione di pene concorrenti (condanna della Corte d'Appello di Reggio Calabria, aumentata dalla condanna della Corte d'Appello di Firenze) per violazione alla legge sugli stupefacenti: deve scontare 12 anni, 5 mesi e 26 giorni di reclusione. Ricercato dal 2010 quando era evaso da una clinica romana dove era ricoverato, Roberto Pannunzi era il protagonista indiscusso del narcotraffico internazionale. Era il massimo referente dei cartelli sudamericani per la vendita di ingenti quantitativi di cocaina e eroina destinata alle famiglie di 'ndrangheta dei Morabito, Coluccio-Aquino, Romeo, Bruzzaniti, Sergi, Trimboli e Papalia, nonché alle più importanti famiglie di Cosa Nostra. Grazie ai sui contatti negli Stati Uniti d'America, dove ha vissuto per oltre dieci anni, Pannunzi negli anni '80 ha curato il narcotraffico anche in direzione delle famiglie di Cosa Nostra americana, introducendo in quel Paese ingenti quantitativi di eroina per conto dei boss Stefano Bontade e Salvatore Inzerillo. Insieme al figlio Alessandro, attualmente detenuto, Roberto Pannunzi ha 'lavorato anche con la mafia turca ed il clan dei marsigliesi e ha avuto contatti con Gaetano Badalamenti e Gerlando Alberti. Al momento della cattura è stato trovato in possesso di un documento falso documento venezuelano a nome Silvano Martino ed era in compagnia di due colombiani, la cui posizione è al vaglio degli inquirenti. Pannunzi arriverà già stasera in Italia, con un volo da Bogotà che atterrerà a Roma-Fiumicino alle ore 20.30.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Roma
Roma, truffe con falsi incidenti: arrestati 6 medici e 2 avvocati
Napoli
Napoli, assenteismo ospedale Loreto Mare: 94 indagati, 55 arresti
Campidoglio
Roma, Raggi in ospedale per controlli dopo un lieve malore
Campidoglio
Roma, medici: Raggi in netto miglioramento, si valuta uscita
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech