venerdì 24 febbraio | 16:17
pubblicato il 27/ott/2014 17:11

Prefetto di Milano invita Pisapia a cancellare atti nozze gay

Per salvaguardare regolare tenuta dei Registri dello stato civile

Prefetto di Milano invita Pisapia a cancellare atti nozze gay

Milano, 27 ott. (askanews) - Il prefetto di Milano, Francesco Paolo Tronca, "ha invitato il sindaco Giuliano Pisapia, nella sua qualità di Ufficiale di stato civile e di Ufficiale di Governo, a procedere alla cancellazione delle trascrizioni dei matrimoni contratti all'estero tra persone dello stesso sesso. Ciò ai fini della regolare ed uniforme tenuta dei Registri dello stato civile, alla cui salvaguardia il Prefetto è preposto secondo le norme vigenti". E' quanto si legge in una nota diffusa dalla stessa Prefettura.

Il 10 ottobre scorso, il prefetto del capoluogo lombardo, aveva chiesto al Comune di Milano la trasmissione di tutti gli atti in essere riguardanti la trascrizione compiuta il giorno prima dal sindaco Pisapia di sette matrimoni omosessuali celebrati all'estero.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Maltempo
Allerta protezione civile: in arrivo venti forti al Centro-Nord
Roma
Roma, truffe con falsi incidenti: arrestati 6 medici e 2 avvocati
Napoli
Napoli, assenteismo ospedale Loreto Mare: 94 indagati, 55 arresti
Berlusconi
Berlusconi a pm: minacce da olgettina, voleva 1 mln per tacere
Altre sezioni
Salute e Benessere
Tribunale malato: per 1 medico su 3 troppo poco tempo per paziente
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide:asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech