sabato 03 dicembre | 03:42
pubblicato il 03/dic/2013 13:34

Prato: Giovannini, auspico piu' risorse a ispezioni in Legge stabilita'

Prato: Giovannini, auspico piu' risorse a ispezioni in Legge stabilita'

(ASCA) - Roma, 3 dic - ''In un mio recente incontro con il commissario per la spending review, Cottarelli, ho segnalato che le risorse per le ispezioni non sono sufficienti. E' infatti mio convincimento che, pur in tempi difficili per la finanza pubblica, non si debba fermare il contrasto al lavoro irregolare ed auspico che gia' nella prossima legge di stabilita' sia possibile incrementare le risorse necessarie a rendere piu' capillare sul territorio l'azione ispettiva''.

Lo ha detto il ministro del Lavoro e delle Politiche sociale, Enrico Giovannini, riferendo alla Camera sul rogo di domenica scorsa della fabbrica tessile cinese a Prato in cui sono rimaste uccise 7 persone. Giovannini ha sottolineato l'importanza dell'attivita' ispettiva che ''nel 2012 ha portato ad individuare 155mila imprese irregolari, con circa 100mila lavoratori risultati impiegati completamente in nero''. stt/cam/ss

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Inchiesta Roma
Mafia Capitale, altro processo: chiesto giudizio per 24 persone
Criminalità
Roma, imprenditore sequestrato e seviziato per usura: 3 arresti
Censis
Censis: paura degli stranieri, immigrazione preoccupa 44% italiani
Censis
Bullismo, oltre metà 11-17enni ha subìto comportamenti offensivi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari