lunedì 27 febbraio | 01:23
pubblicato il 02/dic/2013 17:35

Prato: Coldiretti, aumentati del 33% allarmi su prodotti cinesi

(ASCA) - Roma, 2 dic - Sono aumentati del 33 per cento gli allarmi sui prodotti alimentari cinesi con il gigante asiatico che si classifica al primo nella commercializzazione di cibi a rischio per la salute. E' quanto afferma la Coldiretti sulla base di dati del sistema di allerta comunitario per la prevenzione dei rischi alimentari in Europa relativi al terzo trimestre su quello precedente. I prodotti alimentari cinesi - sottolinea la Coldiretti -hanno fatto scattare ben 344 allerte per la sicurezza alimentare nei primi nove mesi dell'anno , pari addirittura al 15 per cento del totale registrati in Europa Dal Paese asiatico - precisa la Coldiretti - provengono ingredienti e alimenti che possono essere offerti a basso prezzo anche per le diverse regole sanitarie e ambientali in vigore, oltre che per lo sfruttamento della manodopera. Concentrato di pomodoro, miele, riso ed aglio sono alcuni dei prodotti alimentari cinesi piu' presenti in Italia che - conclude la Coldiretti - hanno avuto problemi di sicurezza alimentare.

res/rus

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Biotestamento
Dj Fabo in Svizzera, visite mediche per decidere l'eutanasia
Campidoglio
Roma, Colomban: progetto taglio partecipate senza licenziamenti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech