venerdì 20 gennaio | 15:08
pubblicato il 02/dic/2013 19:08

Prato: Cgil, grave diffusione area sommerso e illegalita'

(ASCA) - Roma, 2 dic - ''Il tragico incidente sul lavoro avvenuto ieri a Prato, dove per un incendio divampato in un capannone adibito ad azienda tessile sono morte 7 persone e altre sono rimaste gravemente ferite, e' l'ennesimo segnale di una gravissima diffusione dell'area del sommerso e dell'illegalita'''. E' quanto si legge l'ordine del giorno approvato all'unanimita' dal comitato direttivo della Cgil sulla strage sul lavoro avvenuta ieri a Prato.

''Il capannone andato distrutto - prosegue l'Odg approvato oggi - si trovava in una zona che negli anni si e' trasformata in una sorta di 'buco nero', dove i lavoratori sono tenuti spesso in condizioni di vera e propria schiavitu', senza neppure sapere dove si trovano vista la loro condizione di 'reclusione' nelle fabbriche-dormitorio; in cui le forze dell'ordine e le autorita' preposte al controllo della sicurezza nei luoghi di lavoro, nonostante l'impegno profuso, non riescono a garantire il rispetto delle norme vigenti; dove il sindacato viene sistematicamente tenuto fuori dai cancelli e viene minacciato chi tenta di avvicinarsi a forme di tutela organizzata o chi prova a organizzare quei lavoratori. Situazioni come quella di Prato derivano molto spesso da una sorta di catena dell'illegalita' dove a guadagnarci sono, oltre a sfruttatori senza scrupoli, anche altri soggetti che vivono intorno e grazie a questo sistema: da chi affitta i capannoni, alle aziende terziste che commissionano parte delle lavorazioni; da chi attua una competizione basata solo sul contenimento dei costi, a coloro che traggono vantaggio dall'indotto che si viene a creare''.

La Cgil, continua l'ordine del giorno, ''di fronte a questa ennesima strage del lavoro, esprime il suo dolore e la sua solidarieta' alle famiglie delle vittime e denuncia ancora una volta lo stato in cui versa il lavoro, che in alcuni settori e in alcune zone (e purtroppo non si tratta solo di Prato) subisce oggi uno sfruttamento che rischia di riportare indietro di un secolo le lancette della storia. Da lungo tempo il sindacato, anche a Prato, denuncia con forza queste situazioni e queste condizioni. La Cgil auspica che le indagini della magistratura facciano emergere al piu' presto le responsabilita' del rogo e si mobilitera' ancora una volta, come e' gia' successo in passato, per far emergere queste situazioni e far rispettare i diritti di tutte le lavoratrici e i lavoratori, a prescindere dalla loro nazionalita' di appartenenza''. Infine, conclude l'Odg, ''in concomitanza con i funerali si svolgera' una manifestazione unitaria e il 10 dicembre si riunira' a Prato il comitato direttivo della Cgil della Toscana per decidere le iniziative da mettere in campo, a partire dai luoghi di lavoro, e per rilanciare le proprie proposte, nella convinzione che se e' vero che la sola integrazione senza repressione del lavoro nero non basta, e' altrettanto vero che la sola repressione senza integrazione non puo' risolvere il problema. La Cgil, infine, chiede al governo e alle strutture deputate al controllo delle violazioni alla normativa vigente sul lavoro e sulla sicurezza di svolgere una campagna capillare, a cominciare proprio dalla zona di Prato, per reprimere e colpire con durezza l'illegalita', il lavoro nero e tutti coloro che da queste situazioni traggono il loro profitto''.

red-gbt

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Maltempo
Prot. Civile: due le vittime accertate all'Hotel Rigopiano
Maltempo
Valanga Rigopiano, Soccorso alpino: trovati vivi 6 dispersi
Maltempo
Valanga su hotel, recuperata un'altra vittima. Bilancio 2 morti
Maltempo
Valanga Rigopiano, Soccorso alpino: morti accertati sono solo 2
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
A Unidata gara per frequenze reti radio a larga banda
Sistema Trasporti
Delrio: "Proporrò sconti sugli abbonamenti del trasporto locale"