mercoledì 18 gennaio | 13:21
pubblicato il 18/giu/2011 16:08

Povertà/ Comunità Sant'Egidio: In Italia aumentano gli ultimi

In crescita anche anziani, disoccupati e persone sole

Povertà/ Comunità Sant'Egidio: In Italia aumentano gli ultimi

Napoli, 18 giu. (askanews) - In Italia aumentano i poveri intesi non solo come chi è indigente, ma anche anziani, disoccupati e persone lasciate sole in seguito alla crisi delle famiglie. Un dato allarmante fotografato dalla Comunità di Sant'Egidio che, con l'Arcidiocesi di Napoli, ha dato vita alla conferenza 'Il dono e la speranza', una due giorni di dibattiti e riflessioni nel complesso della basilica di San Lorenzo Maggiore nel centro storico del capoluogo campano. Un appuntamento a cui hanno preso parte 137 associazioni e circa 1.500 operatori del volontariato. Dal 2010 al 2011 il taglio ai fondi statali di carattere sociale sono stati pari al 76,3%. Secondo i dati Istat dello scorso anno, un italiano su quattro è a rischio povertà ovvero il 24,7% della popolazione contro il 20% della Germania e il 18,4% della Francia. Sempre nel 2010, il 5,5% degli italiani ha dichiarato di non aver avuto i soldi per comprare il cibo; l'11% ha dovuto privarsi delle medicine, il 17% non ha avuto il denaro per i vestiti, mentre oltre il 16% ha dovuto intaccare i risparmi oppure contrarre debiti per arrivare alla fine del mese. La vita si allunga - ha detto Marco Impagliazzo, presidente della Comunità di Sant'Egidio - ma purtroppo non si allungano i tempi della felicità. Ci sono poveri che vivono ai margini della società, per strada, i senza fissa dimora. La crisi economica - ha spiegato - è durissima e si sente molto nel nostro Paese. Tanta gente ha perso il lavoro, la casa. I poveri stanno aumentando contando, soltanto in Italia, 5-6 milioni di persone". "Da Napoli - ha aggiunto - vogliamo lanciare un messaggio di speranza. Se si sta accanto ai poveri, con amicizia, le cose possono cambiare". Il servizio gratuito ai poveri, quel volontariato che, specie negli anni '70 e '80, sembrava un movimento di massa, ha conosciuto notevoli flessioni. E' divenuto un'occupazione retribuita - ha chiosato Andrea Riccardi della Comunità di Sant'Egidio - Si è motivato come professione e spesso è invecchiato". Così l'amicizia per i poveri resta "un luogo assediato, affidato a chi ha particolare vocazione o tendenza alla generosità. Insomma - ha precisato Riccardi - un angolo marginale della vita sociale. Spesso non si concede ai poveri quello che si concede a tutti: il bisogno di amicizia, di umanità, di parlare, di essere chiamati per nome. Ci si ammala e ci si ammala di più per l'assenza di legami sociali, per solitudine, per assenza di riconoscimento della propria dignità". E intanto, il numero dei poveri e la povertà crescono. Una povertà economica e una marginalità che generano violenza. "Camorra e mafia sono anche la risposta violenta e alternativa all'assenza dello Stato, di un minimo di giustizia e solidarietà, di istituzioni degne", ha concluso.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Maltempo
Abruzzo ancora al buio, duecentomila persone senza corrente
Maltempo
Protezione civile, ancora allerta per nevicate e forti venti
Terremoti
Cnr: sisma fenomeno di contagio a cascata tra faglie adiacenti
Terremoti
Terremoto, sindaca Raggi riunisce il centro operativo comunale
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute, arriva dagli Usa il "Piatto unico bilanciato"
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Nel 2016 consumi alimentari fuori casa +1,1%, domestici -0,1%
Turismo
Nel 2016 Roma è stata la meta italiana preferita dagli europei
Energia e Ambiente
Leader mondiali dell'industria danno vita all'Hydrogen Council
Moda
Moda, nasce Brandamour, nuovo polo del lusso Made in Italy
Scienza e Innovazione
Ricerca, piccole balene cibo preferito da squalo estinto Megalodon
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Dal 26 marzo al via i nuovi voli da Milano-Malpensa