lunedì 23 gennaio | 22:22
pubblicato il 17/lug/2013 15:23

Poverta': Satta (Anci), poche risorse a Comuni. No a patto stabilita'

(ASCA) - Roma, 17 lug - ''La poverta' registrata dall'Istat alla fine si scarica principalmente sui comuni, che, col loro welfare locale, sono costretti ad affrontare situazioni familiari a volte drammatiche. Per questo non e' possibile pensare a nuovi tagli nei confronti delle autonomie locali, anzi vanno incrementati gli strumenti pensati proprio per affrontare situazioni di indigenza e marginalita' economica''. Lo afferma Antonio Satta, componente dell'ufficio di Presidenza dell'Anci e segretario dell'Unione Popolare Cristiana (Upc), nel commentare il rapporto Istat.

''L'aumento della poverta' non va sottovalutato perche' rischia di far crescere la tensione sociale, e i comuni non hanno tutti i mezzi necessari per far fronte a queste emergenze - continua Satta - Ricordiamo che siamo ancora in attesa si veder abolito il patto di stabilita' per i piccoli comuni''.

cs/gc

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Stop alla caccia di tordi e beccacce
Stop alla caccia di tordi e beccacce, appello delle associazioni
Maltempo
Maltempo, Sicilia in ginocchio: un morto nel Palermitano
Rigopiano
Hotel Rigopiano, bilancio sale a 7 vittime: ancora 22 i dispersi
Campidoglio
Roma, riparte maratona bilancio. Ok a emendamenti Giunta Raggi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Digital Magics cede partecipazione in ProfumeriaWeb a Free Bird
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Tutti a Montefalco per l'Anteprima Sagrantino
Turismo
Alla scoperta di Piacenza con Sorgentedelvino Live
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Sugli sci trainati dal drone: arriva il droneboarding
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4