venerdì 02 dicembre | 19:38
pubblicato il 17/lug/2013 15:23

Poverta': Satta (Anci), poche risorse a Comuni. No a patto stabilita'

(ASCA) - Roma, 17 lug - ''La poverta' registrata dall'Istat alla fine si scarica principalmente sui comuni, che, col loro welfare locale, sono costretti ad affrontare situazioni familiari a volte drammatiche. Per questo non e' possibile pensare a nuovi tagli nei confronti delle autonomie locali, anzi vanno incrementati gli strumenti pensati proprio per affrontare situazioni di indigenza e marginalita' economica''. Lo afferma Antonio Satta, componente dell'ufficio di Presidenza dell'Anci e segretario dell'Unione Popolare Cristiana (Upc), nel commentare il rapporto Istat.

''L'aumento della poverta' non va sottovalutato perche' rischia di far crescere la tensione sociale, e i comuni non hanno tutti i mezzi necessari per far fronte a queste emergenze - continua Satta - Ricordiamo che siamo ancora in attesa si veder abolito il patto di stabilita' per i piccoli comuni''.

cs/gc

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Inchiesta Roma
Mafia Capitale, altro processo: chiesto giudizio per 24 persone
Criminalità
Roma, imprenditore sequestrato e seviziato per usura: 3 arresti
Censis
Censis: paura degli stranieri, immigrazione preoccupa 44% italiani
Censis
Bullismo, oltre metà 11-17enni ha subìto comportamenti offensivi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari