martedì 28 febbraio | 15:29
pubblicato il 17/ott/2013 15:51

Poverta': Rocca (Cri), in Europa e' un'emergenza

Poverta': Rocca (Cri), in Europa e' un'emergenza

(ASCA) - Roma, 17 ott - ''In Italia e in Europa l'impatto umanitario della crisi economica e' rilevante: siamo di fronte a una vera e propria emergenza. Registriamo un notevole aumento delle persone che vivono in poverta' e di quelle che chiedono aiuti alimentari e altri tipi di assistenza. La Croce Rossa ha presentato di recente un Rapporto sulla crisi economica in Europa e le nuove poverta', dal quale emergono cifre e realta' allarmanti''. Lo dichiara il Presidente Nazionale della Croce Rossa Italiana, Francesco Rocca, in occasione della Giornata Mondiale contro la Poverta'.

''In 22 paesi della zona Europa sono 3.5 milioni le persone che ricevono aiuti alimentari dai programmi di assistenza della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa, una cifra che rappresenta un incremento del 75 per cento rispetto ai 2 milioni e mezzo del 2009. Solo in Spagna la Croce Rossa nel 2012 ha aiutato 1.2 milioni di persone, piu' del doppio rispetto al 2009''.

''Tra gli aspetti critici - prosegue Rocca - emerge che la composizione sociale si e' modificata. Assistiamo ad un significativo aumento di nuovi poveri, persone che, pur lavorando, non riescono ad arrivare alla fine del mese. Un altro preoccupante elemento riguarda l'impatto che la crisi ha sui bambini e la loro salute. La mancanza di cibo influenza la capacita' di apprendimento, per cui in alcuni Paesi come la Bulgaria e la Spagna, la Croce Rossa sta fornendo cibo per le scuole, da destinare ai bambini che arrivano a lezione la mattina senza aver fatto colazione''.

''Purtroppo - sottolinea il Presidente Nazionale della CRI - non si lavora solo sul fronte economico, ma anche sul fronte psicologico. Le Societa' di Croce Rossa e Mezzaluna Rossa riscontrano l'incremento di supporto psicologico per le persone che soffrono di depressione e di altri problemi di salute mentale. A causa dell'impoverimento molte persone hanno cambiato stile di vita: alcuni hanno iniziato a trascurare la salute e il cibo altri invece hanno iniziato a vivere in maniera piu' sana''.

''L'Italia - ha detto Rocca - e' sempre di piu' in difficolta'. La Croce Rossa Italiana assiste circa 400 mila famiglie fornendo cibo, medicinali, materiale sanitario, prodotti per l'infanzia, occhiali, protesi dentarie, materiale scolastico per bambini. Fino a qualche anno fa la Cri distribuiva pacchi di viveri ad anziani e ai senza fissa dimora. Oggi i nuovi poveri sono rappresentati da famiglie con bambini che si sono esposte comprando casa, che hanno un mutuo da pagare o che prima sostenevano un mutuo con due stipendi ed ora ne hanno solo uno, ma anche persone che hanno perso il lavoro o padri separati che non ce la fanno a mantenersi''.

''I nuovi poveri devono rappresentare la nostra priorita' e per loro dobbiamo ridisegnare i nostri interventi, affinche' essi possano recuperare una dimensione di dignita' e di umanita' che le difficolta' economiche e l'emarginazione sociale tendono ad annullare'', ha concluso Rocca.

red/mpd

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Droga
Maxi operazione antidroga allo Zen di Palermo: 24 arresti
Maltempo
Allerta Protezione civile: pioggia e venti forti al Centro-Nord
Firenze
Spari a auto dell'imprenditore amico di Renzi, 2 arresti a Firenze
Campidoglio
Roma, chiesto il giudizio per Marra e Scarpellini
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ricerca, nanocubi per la diagnosi precoce di Alzheimer e Parkinson
Motori
La Turbo S E-Hybrid diventa modello più potente Porsche Panamera
Enogastronomia
Premio Ercole Olivario, in gara 174 etichette da 17 Regioni
Turismo
Favara: apre l'Alba Palace: quattro stelle di cultura e tradizione
Energia e Ambiente
E.ON:Per 6 italiani su 10 ideale per la casa è l'energia solare
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Spazio, ExoMars: Tgo si prepara a nuovi test degli strumenti
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech