martedì 24 gennaio | 19:11
pubblicato il 24/ott/2014 16:17

Potenza, muore paziente: 3 medici arrestati per omicidio colposo

Avrebbero continuato ad operare anche se era già morta

Potenza, muore paziente: 3 medici arrestati per omicidio colposo

Potenza, 24 ott. (askanews) - Avrebbero continuato ad operarla nonostante si erano accorti che la paziente era già morta. Con l'accusa di omicidio colposo la Procura di Potenza ha disposto gli arresti domiciliari di tre medici dell'ospedale San Carlo del capoluogo lucano. Si tratta del primario del reparto di cardiochirurgia, N. M., 54 anni, e di altri due medici dello stesso reparto M. C., 61 anni, e M. G., 46 anni. Il primario è anche accusato di falso in atto pubblico e falso ideologico in atto pubblico.

L'episodio a cui fa riferimento la Procura è avvenuto il 28 maggio 2013. Nella sala operatoria del San Carlo i medici stavano operando una paziente di 71 anni, E. P., alla quale avrebbero dovuto sostituire due valvole cardiache. Qualcosa non va per il verso giusto e la paziente muore, tuttavia i medici continuano ad operare anche dopo averne constatato il decesso, probabilmente, è il sospetto della Procura, per "coprire" eventuali errori imputabili ai sanitari.

Le indagini, condotte dalla squadra mobile di Potenza, sono cominciate cinque mesi dopo il decesso della donna. Il giorno 26 novembre 2013 arriva in Procura un esposto anonimo che segnala "condotte illecite" da parte del personale medico in riferimento al decesso della signora. Gli investigatori avviano le indagini, acquisiscono atti e documenti, ascoltano il personale medico e infermieristico, dispongono l'esumazione della salma e l'autopsia da parte del medico legale. La consulenza ha evidenziato condotte colpose da parte di alcuni dei medici presenti nella sala operatoria il 28 maggio 2013 e conferma una serie di anomalie nel registro operatorio che, in parte, erano già emerse nelle indagini della squadra mobile. E' da queste anomalie nei documenti clinici che scaturisce l'accusa di falso in atto pubblico e falso ideologico in atto pubblico nei confronti del primario.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
'Ndrangheta
'Ndrangheta, operazione "Stammer": 54 persone fermate
Maltempo
Individuato elicottero 118 precipitato nell'aquilano, 6 a bordo
Rigopiano
Hotel Rigopiano, bilancio sale a 7 vittime: ancora 22 i dispersi
Giustizia
Giustizia, da incontro Anm-Ministro Orlando nessun effetto
Altre sezioni
Salute e Benessere
Al via Peter Baby Bio, progetto toscano per omogeneizzati Km zero
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Del Pesce sarà main sponsor di Aquafarm 2017
Turismo
Alla scoperta di Piacenza con Sorgentedelvino Live
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio, Pasquali: Leonardo pronta a cogliere opportunità sviluppo
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4