giovedì 19 gennaio | 01:21
pubblicato il 22/gen/2013 19:44

Popolazione: Istat, cresciuta del 4,3% in 10 anni ma grazie a stranieri

(ASCA) - Roma, 22 gen - Dai dati dell'ultimo censimento, la popolazione residente in Italia e' cresciuta del 4,3% fra il 2001 e il 2011 (sostenuta esclusivamente dall'incremento della componente straniera) e ammonta a 59.433.744 unita'. E' quanto evidenzia l'Istat nell'indagine 'Noi Italia', diffusa oggi, Al 1* gennaio 2012 ci sono 147,2 anziani ogni 100 giovani. In Europa solo la Germania presenta un indice di vecchiaia piu' accentuato. La Liguria si conferma la regione piu' anziana, mentre la Campania, con un indice per la prima volta superiore a 100, la piu' giovane.

Nel 2011 il rapporto fra popolazione giovane e anziana e popolazione in eta' attiva (indice di dipendenza) raggiunge il 53,1%; il valore minimo si registra nel Mezzogiorno (50,0%), il massimo nel Nord-ovest (55,0%), mentre la regione con l'indice piu' alto e' la Liguria. Nel contesto europeo l'Italia si colloca al quarto posto.

L'Italia presenta una crescita naturale della popolazione leggermente negativa ed e' agli ultimi posti in ambito europeo, vicino alla Grecia e al Portogallo; viceversa, l'aumento dovuto ai fenomeni migratori e' significativo e colloca l'Italia ai primi posti della graduatoria dei paesi piu' ''attrattivi''. La vita media delle donne e' di 84 anni e mezzo, quella degli uomini poco piu' di 79 anni, fra le piu' lunghe dell'Unione europea. L'Italia si posiziona tra i paesi a bassa fecondita', con 1,39 figli per donna secondo le stime del 2011. L'eta' media al parto continua a crescere e si attesta ora a 31,4 anni. Nel 2010 sono stati celebrati 3,6 matrimoni ogni 1.000 abitanti. Nel Mezzogiorno ci si sposa di piu' che nel Centro-Nord; nel Nord-est il 49,3% delle coppie ha scelto il rito civile. L'Italia e l'Irlanda sono i paesi Ue con la piu' bassa incidenza di divorzi, rispettivamente 0,9 e 0,7 ogni 1.000 abitanti. Nel nostro Paese lo scioglimento per via legale delle unioni e', tuttavia, un fenomeno in costante crescita: tra il 2000 e il 2010 le separazioni sono aumentate da 12,6 a 14,6 e i divorzi da 6,6 a 9,0 ogni 10 mila abitanti.

red/mpd

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Terremoti
Cnr: sisma fenomeno di contagio a cascata tra faglie adiacenti
Terremoti
Sisma, Raggi: a Roma saranno avviate verifiche su scuole e uffici
Terremoti
Terremoto, sindaca Raggi riunisce il centro operativo comunale
Terremoti
Sisma centro Italia, Ingv: oltre 100 scosse, 4 sopra magnitudo 5
Altre sezioni
Salute e Benessere
"Guarda che bello", quando gli occhi dei bimbi si curano con gioia
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella: in Usa il 10% della produzione di Amarone
Turismo
Da Bookingfax una App per riportare turisti in Agenzia di viaggio
Energia e Ambiente
Leader mondiali dell'industria danno vita all'Hydrogen Council
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
"L'Ara com'era", il racconto dell'Ara Pacis diventa più immersivo
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Gb, arrivato a Londra primo treno merci proveniente dalla Cina