lunedì 23 gennaio | 16:23
pubblicato il 05/feb/2013 17:59

Polizia: accordo con Cnr su tecnologie orientate alla sicurezza

(ASCA) - Roma, 5 feb - Il presidente del Consiglio nazionale delle ricerche, Luigi Nicolais e il direttore centrale della Direzione centrale anticrimine della Polizia di Stato (Dac), Prefetto Gaetano Chiusolo, hanno siglato oggi un accordo quadro per la promozione di iniziative congiunte nel campo delle tecnologie orientate alla sicurezza. La collaborazione e' centrata in particolare su tematiche che riguardano il settore delle scienze forensi, la tutela dell'ordine e della sicurezza pubblica. Le collaborazioni previste includono indagini relative ai residui dello sparo, di tipo balistico e orientate alla determinazione della composizione di materiali esplosivi, sviluppo e applicazione delle tecnologie biometriche, metodologie e modelli nei settori della sicurezza fisica e logica, tecnologie dell'informazione applicate ad altre attivita' relative alle scienze forensi. Obiettivo comune e' condividere attivita' di ricerca e sperimentazione a carattere multidisciplinare per assicurare lo sviluppo di conoscenze e metodologie nel contesto delle tecnologie orientate alla sicurezza, cercando di trasferire i risultati raggiunti a livello internazionale.

Verra' costituito un comitato di gestione composto per il CNR dal direttore dell'Istituto per lo studio dei materiali nanostrutturati, Giuseppina Padeletti, e per la DAC dal direttore pro tempore del Servizio Polizia Scientifica, Daniela Stradiotto.

''L'accordo che abbiamo sottoscritto - dichiara il presidente - inaugura un modo nuovo di intendere e utilizzare i risultati e le metodologie sviluppate in ambito scientifico ed evidenzia quanto la ricerca scientifica possa contribuire a vantaggio dei cittadini e della societa'. Con questa intesa le competenze, le conoscenze, le tecnologie sviluppate da CNR e Direzione centrale anticrimine vengono condivise e fatte convergere per rafforzare la risposta delle istituzioni nell'assicurare la sicurezza e la tutela delle persone. Gli ambiti di intervento, dalle indagini balistiche allo sviluppo di tecnologie biometriche, per la trasversalita' e l'uso sempre piu' sofisticato di tecnologie avanzate, sono destinati a innovare profondamente l'azione e le metodologie investigative e a ridurre i margini di incertezza e di errore''.

''Con questo accordo - conferma il direttore centrale anticrimine della Polizia di Stato, Prefetto Gaetano Chiusolo - la Polizia di Stato aggiunge un nuovo tassello al percorso di implementazione del concetto di sicurezza partecipata. Il partenariato con soggetti pubblici e privati, infatti, rappresenta lo strumento strategico per la sua realizzazione''. red-gc/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Terremoti
Enel: diga Campotosto sicura ma deciso un ulteriore svuotamento
Terremoti
Terremoto, pres. Grandi rischi: dighe Campotosto rischio Vajont
Maltempo
Hotel Rigopiano, individuato il cadavere di un uomo: 6 le vittime
Maltempo
Maltempo, Sicilia in ginocchio: un morto nel Palermitano
Altre sezioni
Salute e Benessere
Digital Magics cede partecipazione in ProfumeriaWeb a Free Bird
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Tutti a Montefalco per l'Anteprima Sagrantino
Turismo
Il Mascagni Luxury Dépendance entra nel circuito Space Hotels
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Sugli sci trainati dal drone: arriva il droneboarding
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4