giovedì 23 febbraio | 20:16
pubblicato il 28/ott/2014 13:26

Pm Boccassini: capillare presenza 'ndrangheta in Lombardia

Il magistrato: "dopo inchiesta Infinito nulla è cambiato"

Pm Boccassini: capillare presenza 'ndrangheta in Lombardia

Milano, 28 ott. (askanews) - L'operazione "Quadrifoglio" condotta questa mattina dai Ros dei carabinieri "conferma l'esistenza di 'locali' della 'ndrangheta in Lombardia che hanno un capillare controllo del territorio". Ne è convinta Ilda Boccassini, procuratore aggiunto a capo della Dda di Milano, che lo ha sottolineato durante la conferenza stampa organizzata per fare il punto sul blitz che questa mattina ha portato in carcere 13 persone.

Secondo il magistrato, dopo Infinito - si chiama così la prima maxi inchiesta condotta dalla Dda di Milano contro le cosche della 'ndrangheta attiva in Lombardia - ''nulla e' cambiato. Questa e' la riflessione che dobbiamo fare. Evidentemente - ha puntualizzato ancora Ilda Boccassini - dalla 'ndrangheta si puo' uscire solo in due modi, o con la morte o diventando collaboratori e dandosi allo Stato".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Papa
Papa: scandaloso dire "sono cattolico" e riciclare denaro
Ambiente
Scoperta una nuova specie di mammifero: lo scoiattolo meridionale
Maltempo
Allerta protezione civile: in arrivo venti forti al Centro-Nord
Milano
Dopo le palme in piazza Duomo a Milano arrivano i banani
Altre sezioni
Salute e Benessere
Tribunale malato: per 1 medico su 3 troppo poco tempo per paziente
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Scoperta una nuova specie di mammifero: lo scoiattolo meridionale
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
I 7 gemelli della Terra: il parere dell'astronauta Maurizio Cheli
TechnoFun
Internet of Things: dopo la "nuvola" si studia la "nebbia"
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech