mercoledì 07 dicembre | 11:52
pubblicato il 11/nov/2014 13:52

Pisapia: Tangenti Expo? Mafia ci ha provato, è stata sconfitta

E cita Falcone "là dove ci sono i soldi, arriva la mafia"

Pisapia: Tangenti Expo? Mafia ci ha provato, è stata sconfitta

Mosca, 11 nov. (askanews) - La mafia "ci ha provato", come ci prova sempre, ma "ne è uscita sconfitta proprio nel suo tentativo di inserirsi". Così il sindaco di Milano, Giuliano Pisapia, da Mosca - dove si trova anche per parlare di Expo 2015 e della partecipazione russa all'esposizione - commenta alla stampa italiana le inchieste e tutte le vicende, finite in cronaca giudiziaria, che hanno riguardato la fiera universale organizzata sotto la Madonnina. Dall'arresto di Primo Greganti all'esito all'allarme lanciato dal Comitato antimafia presieduto da Nando dalla Chiesa, che aveva parlato di segni di presenza mafiosa.

Ma da Palazzo Marino la posizione è netta e decisa. Pisapia cita Falcone "là dove ci sono i soldi, arriva la mafia". E incalza: "Io sarei stato molto più preoccupato se non ci fossero state indagini e arresti, perchè avrebbe significato, visto che i tentativi erano previsti da tutti, che non c'erano risultati. Quanto alle tangenti, troppo spesso vedo i titoli dei media, "Tangenti Expo". Poi leggo le ordinanze di custodia cautelare, riguardano tutt'altro. Il problema è vedere con più precisone. Su Expo c'è stato un arresto, ossia una mela marcia, che si è fatta invschiare. Una persona che aveva, sulla base di quanto emerso dalle indagini, lavorato benissimo fino al novembre 2013, poi si è fatta impigliare da quella che viene considerata "la cupola"".

Il sindaco sottolinea inoltre che "immediatamente sono partite le indagini e si è arrivati sette mesi dopo all'arresto, solo perchè le indagini devono determinare l'acquisizione di verifiche e conferme e riscontri, e poi c'è il passaggio dalla procura al Gip e un Gip serio legge gli atti, prima di emettere un provvedimento restrittivo".

Pisapia parlava a margine di un briefing organizzato presso l'ambasciata d'Italia a Mosca, prima di incontrare l'omologo moscovita Sergey Sobianin con il quale deve firmare un protocollo di intesa e collaborazione.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Droga
Frosinone, blitz antidroga di Polizia e Carabinieri: 50 arresti
Papa
Il papa: le chiese siano oasi di bellezza in periferie degradate
Papa
Papa: terrorismo ammala e deforma religione, non c'è Dio di odio
Papa
Papa: Stato laico meglio che confessionale, ma no laicismo
Altre sezioni
Salute e Benessere
Robot indossabile ridà capacità di presa a persone quadriplegiche
Enogastronomia
Veronafiere,Danese:con Vinitaly salto qualità nei paesi asiatici
Turismo
Ponte Immacolata, per un italiano su due hotel è luogo dolce vita
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Robotica soft, macchine più versatili ispirate a piante e animali
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni