domenica 04 dicembre | 11:16
pubblicato il 23/dic/2013 19:07

Piazza San Pietro parla napoletano, col presepe partenopeo

Sepe: non c'è solo il dramma della Terra dei Fuochi

Piazza San Pietro parla napoletano, col presepe partenopeo

Roma - In piazza San Pietro si parla napoletano. Quest'anno, infatti, per la prima volta, il presepe allestito in Vaticano è opera dell'artigianato artistico partenopeo. Un presepe che fa rivivere il dramma della terra dei fuochi perchè la cornice richiama l'ambiente della Campania Felix. Napoli, sofferente e mortificata per tante ragioni, si presenta così sul palcoscenico internazionale con una delle sue tante positività ed eccellenze.L'arcivescovo di Napoli, il cardinale Crescenzio Sepe:"E' una manifestazione reale del mistero dell'incarnazione. Non è solo il Bambino, San Giuseppe, la Madonna: è la vita quotidiana del napoletano che viene raffigurata e rappresentata, con un'apertura verso il Bambino".16 figure alte due metri, realizzate come i pastori napoletani, con testa e arti in terracotta policroma, occhi in cristallo e abiti in tessuto, che riportano alle composizioni settecentesche realizzate per le chiese.Dal cardinale Sepe un messaggio di speranza: Napoli non è solo il dramma della terra dei fuochi:"Il presepe napoletano vuole essere un segno forte delle cose belle ed eccellenti che Napoli può produrre per il godimento artistico, culturale e religioso del mondo intero".

Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari