sabato 25 febbraio | 16:40
pubblicato il 27/set/2011 10:02

Pescara, prostitute con voodoo e torture: arrestati 6 nigeriani

Portate in Italia dopo essere state comprate

Pescara, prostitute con voodoo e torture: arrestati 6 nigeriani

Roma, 27 set. (askanews) - Donne nigeriane costrette a prostituirsi e rese schiave con riti voodoo e torture: arrestati dalla polizia a Pescara 6 nigeriani. Le donne venivano portate illegalmente in Italia dopo essere state "comprate" per somme variabili tra i 50mila e i 60mila euro. La polizia di Pescara, coordinata dal Servizio centrale operativo della Dac, Direzione Anticrimine Centrale, sta eseguendo 6 misure cautelari nei confronti dei componenti di una banda di nigeriani accusati di riduzione in schiavitù finalizzata allo sfruttamento della prostituzione e favoreggiamento dell'immigrazione clandestina. Le indagini, partite l'anno scorso a seguito di una segnalazione dell'Aisi e poi coordinate dalla Procura Distrettuale de L'Aquila, sono durate diversi mesi e si sono basate sia sulle dichiarazioni di alcune delle ragazze sfruttate, sia su numerose intercettazioni e servizi di controllo e pedinamento. Determinanti, si sono rivelate le dichiarazioni rese da tre ex prostitute, ora inserite in un programma di protezione e reinserimento sociale, che hanno deciso di collaborare e di denunciare i loro sfruttatori.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech