domenica 04 dicembre | 23:59
pubblicato il 14/mar/2011 15:31

Pescara, frode da 455mila euro su ricostruzione post-terremoto

False ristrutturazioni e costi gonfiati, 7 arresti della Gdf

Pescara, frode da 455mila euro su ricostruzione post-terremoto

False ristrutturazioni, costi gonfiati con il permesso di tecnici professionisti, per un totale di 455mila euro di risorse pubbliche sottratte ai fondi per la ricostruzione post-terremoto in Abruzzo. il bilancio di un'operazione della Guardia di finanza di Pescara, che ha arrestato 7 persone: il responsabile dell'Ufficio tecnico del Comune di Torre dè Passeri e due tecnici professionisti, quattro titolari di ditte che operavano gli interventi di ricostruzione, finiti ai domiciliari. Le pratiche per la concessione di contributi erano falsificate con la collaborazione delle imprese appaltatrici per gonfiare gli importi dei lavori e dell'ufficio tecnico per i controlli. Erano previsti interventi che non sarebbero stati mai eseguiti o impossibili, oppure ne venivano attestati altri mai realizzati. Gli accertamenti hanno riguardato 16 immobili per abitazione civile e 11 edifici pubblici, tra cui impianti sportivi.

Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari