venerdì 24 febbraio | 13:54
pubblicato il 04/lug/2012 11:17

Pesaro, dipendenti lavorano in nero ma sono in cassa integrazione

Denunciate 19 persone per truffa aggravata

Pesaro, dipendenti lavorano in nero ma sono in cassa integrazione

Pesaro, (askanews) - Al lavoro regolarmente tutti i giorni, anche se in Cassa integrazione. La Guardia di finanza di Pesaro ha scoperto una azienda che faceva lavorare in nero i dipendenti per i quali da tempo aveva chiesto all'Inps il ricorso agli ammortizzatori sociali.L'azienda per gli anni 2010, 2011 e 2012 aveva sottoscritto con le organizzazioni sindacali appositi accordi per la cassa integrazione ordinaria, con una riduzione dell'orario di lavoro da 40 a 0 ore settimanali. Poi ha omesso di contabilizzare migliaia di ore lavorative per rilevanti importi, corrisposti "fuori busta" al personale che aveva accettato la truffa. Al termine dell'indagine sono state denunciate 19 persone. Si tratta dell'imprenditore e dei 18 dipendenti, a cui è stato contestato il reato di per truffa aggravata ai danni dell'Inps per contributi già percepiti.

Gli articoli più letti
Maltempo
Allerta protezione civile: in arrivo venti forti al Centro-Nord
Roma
Roma, truffe con falsi incidenti: arrestati 6 medici e 2 avvocati
Napoli
Napoli, assenteismo ospedale Loreto Mare: 94 indagati, 55 arresti
Berlusconi
Berlusconi a pm: minacce da olgettina, voleva 1 mln per tacere
Altre sezioni
Salute e Benessere
Tribunale malato: per 1 medico su 3 troppo poco tempo per paziente
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Scoperta una nuova specie di mammifero: lo scoiattolo meridionale
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
Astrofisica, indizi di materia oscura nel cuore di Andromeda?
TechnoFun
Internet of Things: dopo la "nuvola" si studia la "nebbia"
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech