lunedì 27 febbraio | 04:24
pubblicato il 06/mar/2013 18:16

Perugia, strage in Regione: imprenditore uccide due impiegate

Sgomento e poca voglia di parlare fra i dipendenti

Perugia, strage in Regione: imprenditore uccide due impiegate

Perugia, (askanews) - Sgomento e poca voglia di parlare fra i dipendenti della Regione Umbria dopo l'episodio violento che ha scosso tutta la città di Perugia. In questi uffici un uomo armato di pistola ha fatto irruzione sparando contro due impiegate e uccidendole. Le due vittime avevano 60 e 46 anni. L'uomo, Andrea Zampi un piccolo imprenditore della zona di 43 anni, dopo aver compiuto la strage si è spostato in un altro ufficio dove ha rivolto la pistola contro se stesso e si è ucciso. Tutto è avvenuto intorno alle 12.30.Fra le ipotesi al vaglio degli investigatori anche la vendetta per un finanziamento negato. Secondo quanto riferito da Catiuscia Marini, governatrice dell'Umbria, l'omicida è il titolare di un'agenzia formativa accreditata e dai primi accertamenti non esisterebbero atti riguardante finanziamenti pubblici regionali. Il Comune di Perugia ha annunciato il lutto cittadino nel giorno dei funerali delle vittime.

Gli articoli più letti
Biotestamento
Dj Fabo in Svizzera, visite mediche per decidere l'eutanasia
Campidoglio
Roma, Colomban: progetto taglio partecipate senza licenziamenti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech