sabato 03 dicembre | 16:39
pubblicato il 01/feb/2011 14:15

Perugia, per inquirenti 'buco' di 30 minuti nella fine di Elisa

Una testimone: c'era uno strano traffico di auto quella notte

Perugia, per inquirenti 'buco' di 30 minuti nella fine di Elisa

Perugia, 1 feb. (askanews) - Cosa è successo ad Elisa? Chi ha incontrato? Perché si è recata volontariamente in quella boscaglia che "non porta da nessuna parte"? E ancora, c'erano davvero due auto che seguivano quella della ragazza? Sono questi i principali interrogativi al vaglio del pm di Perugia, Antonella Duchini, che puntano a riempire quel 'buco' di mezz'ora che pesa sulla ricostruzione dell'assurda morte in mezzo al fango e all'acqua gelata del fiume Ventia della 25enne Elisa Benedetti. Un buco che si estende approssimativamente dalla mezzanotte e mezza all'una di domenica 30 gennaio. Tutto inizia quando Elisa, dopo un piccolo incidente, lascia la sua amica a terra e senza una ragione mette in moto l'auto (che non è sua, ndr.) avviandosi verso Casa del Diavolo, frazione conosciuta a Perugia per la presenza di una discoteca molto apprezzata a livello nazionale. Il 'buco' si chiude quando inizia, secondo gli inquirenti, il tentativo di Elisa di uscire dalla boscaglia chiamando il 112. Tra le tante caselle che mancano all'appello per ricostruire il puzzle, c'è però la testimonianza di una donna che ha visto da dietro i vetri della sua finestra "la ragazza chiedere aiuto, che si era persa...poi ripartire e dietro di lei due auto...". Dopo la testimone, che evidentemente era rimasta turbata dalla scena ed era rimasta a sorvegliare la strada alla finestra, ha parlato "di due auto che sono scese". Uno strano traffico per una frazione non molto popolata e per giunta a quell'ora di notte. Forse Elisa non era sola quando si è impantanata nel bosco di Civitella? Gli inquirenti stanno cercando di capire se la ragazza abbia contattato qualcuno durante quel vuoto di mezzora. Sta di fatto che nell'agenda telefonica della giovane era stato immesso il numero di alcuni ragazzi maghrebini conosciuti durante la "grande bevuta" al bar di Ponte Rio. Duchini e i carabinieri hanno già più volte ascoltato i ragazzi stranieri.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Disturbi del sonno? 10 regole ambientali per dormire meglio
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari