sabato 21 gennaio | 20:54
pubblicato il 28/gen/2011 19:17

Percolato in mare in Campania con complicità pubblico-privato

Impianti gestiti in maniera lontana da standard depurazione

Percolato in mare in Campania con complicità pubblico-privato

Tutti gli indagati del nuovo filone d'inchiesta su presunti illeciti nella gestione rifiuti in Campania hanno osservato una condotta "grave" anche se si pensa al ruolo istituzionale da loro ricoperto lo ha detto il procuratore aggiunto di Napoli Aldo De Chiara in merito alle persone arrestate per gli sversamenti di percolato in mare, tra cui Marta Di Gennaro l'ex vice di Guido Bertolaso e il prefetto CorradoCatenacci.Il procuratore di Napoli, Giandomenico Lepore spiega come avvenivano gli sversamenti illeciti.Il tratto di mare interessato gli anni scorsi da sversamenti di percolato va da Napoli a Salerno e riguarda tutti e 8 i depuratori regionali della Campania.

Gli articoli più letti
Incidenti stradali
Schianto bus ungherese, a bordo 15-16enni in gita in Francia
Maltempo
Hotel Rigopiano, Prefettura Pescara: 23 i dispersi segnalati
Incidenti stradali
Pullman ungherese si schianta e prende fuoco in A4, 16 morti
Maltempo
Rigopiano, proseguono ricerche: bilancio 9 in salvo, 4 vittime
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4