lunedì 05 dicembre | 15:42
pubblicato il 28/gen/2011 19:17

Percolato in mare in Campania con complicità pubblico-privato

Impianti gestiti in maniera lontana da standard depurazione

Percolato in mare in Campania con complicità pubblico-privato

Tutti gli indagati del nuovo filone d'inchiesta su presunti illeciti nella gestione rifiuti in Campania hanno osservato una condotta "grave" anche se si pensa al ruolo istituzionale da loro ricoperto lo ha detto il procuratore aggiunto di Napoli Aldo De Chiara in merito alle persone arrestate per gli sversamenti di percolato in mare, tra cui Marta Di Gennaro l'ex vice di Guido Bertolaso e il prefetto CorradoCatenacci.Il procuratore di Napoli, Giandomenico Lepore spiega come avvenivano gli sversamenti illeciti.Il tratto di mare interessato gli anni scorsi da sversamenti di percolato va da Napoli a Salerno e riguarda tutti e 8 i depuratori regionali della Campania.

Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Festa a Roma con Heinz Beck per i 30 anni del Gambero Rosso
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari