sabato 25 febbraio | 19:18
pubblicato il 28/gen/2011 19:17

Percolato in mare in Campania con complicità pubblico-privato

Impianti gestiti in maniera lontana da standard depurazione

Percolato in mare in Campania con complicità pubblico-privato

Tutti gli indagati del nuovo filone d'inchiesta su presunti illeciti nella gestione rifiuti in Campania hanno osservato una condotta "grave" anche se si pensa al ruolo istituzionale da loro ricoperto lo ha detto il procuratore aggiunto di Napoli Aldo De Chiara in merito alle persone arrestate per gli sversamenti di percolato in mare, tra cui Marta Di Gennaro l'ex vice di Guido Bertolaso e il prefetto CorradoCatenacci.Il procuratore di Napoli, Giandomenico Lepore spiega come avvenivano gli sversamenti illeciti.Il tratto di mare interessato gli anni scorsi da sversamenti di percolato va da Napoli a Salerno e riguarda tutti e 8 i depuratori regionali della Campania.

Gli articoli più letti
Terrorismo
Isis, espulsi 2 tunisini: uno era tra i contatti di Amri
Papa
Papa ai parroci: siate vicini ai giovani che scelgono di convivere
Maltempo
Allerta temporali su Puglia, Basilicata, Calabria e Sicilia
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech