lunedì 16 gennaio | 16:48
pubblicato il 15/feb/2013 12:00

Pensionata uccisa nel Casertano, rapina finita in tragedia

Era in casa con uno dei figli, legato ad una sedia

Pensionata uccisa nel Casertano, rapina finita in tragedia

Napoli, 15 feb. (askanews) - E' stata uccisa con una decina di coltellate Maria Agnese Coscia, la 62enne trovata priva di vita all'interno della sua abitazione di Maddaloni in provincia di Caserta. La donna era attualmente pensionata ma aveva lavorato come dirigente di un centro per la formazione e l'orientamento professionale della Regione Campania. Secondo gli investigatori a causare la morte di Maria Agnese Coscia dei rapinatori che hanno fatto irruzione nella sua casa nel corso della notte. L'appartamento era parzialmente a soqquadro e uno dei quattro figli della donna, il minore, è stato trovato legato ad una sedia dagli agenti di Polizia che sono intervenuti sul posto per far luce su quanto accaduto. Ancora ignote le cause che hanno portato al ferimento letale, forse una reazione della donna. Ad ucciderla sarebbe stato un coltello che non è stato al momento rinvenuto.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Comuni
Consenso dei sindaci: vince Appendino, Raggi precipita penultima
Corruzione
Latina, appalti truccati: 10 arresti tra cui sindaco di Sperlonga
Napoli
Napoli, scoppia un impianto a gas: un morto e 7 feriti, 5 gravi
Roma
Roma, manutenzioni bus Cotral truccate: un arresto e 50 indagati
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
Kawasaki al Motor Bike Expo di Verona dal 20 al 22 gennaio
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella, conto alla rovescia Anteprima Amarone
Turismo
A Singapore la gara di Danza del leone, caccia i cattivi spiriti
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Milano Moda uomo, i quadri viventi di Antonio Marras
Scienza e Innovazione
Rompicapo galattico per telescopio Hubble
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Milano, mobilità sempre più ecosostenibile DriveNow