sabato 25 febbraio | 03:51
pubblicato il 07/feb/2014 17:09

Pedofilia: p. Lombardi, Commissione Onu oltre sue competenze

Pedofilia: p. Lombardi, Commissione Onu oltre sue competenze

(ASCA) - Citta' del Vaticano, 7 feb 2014 - Le osservazioni del Comitato Onu sui mimori ''in piu' direzioni sembrano andare oltre le sue competenze e interferire nelle stesse posizioni dottrinali e morali della Chiesa cattolica''. E' quanto ha affermato il direttore della Sala Stampa della Santa Sede, padre Federico Lombardi che ha definito questa, ''l'osservazione piu' grave'' mossa dalla Santa Sede al discusso documento dell'organismo Onu sull'operato del Vaticano in tema di difesa dei diritti dei minori.

Il documento, infatti, ha sostenuto in una nota p.

Lombardi, darebbero ''indicazioni che coinvolgono valutazioni morali della contraccezione e dello stesso aborto, o l'educazione nelle famiglie o la visione della sessualita' umana, alla luce di una propria visione ideologica della stessa sessualita'''. Per questo, ha spiegato, nel Comunicato ufficiale pubblicato mercoledi' mattina dalla stessa Santa Sede, si e' parlato di ''un tentativo di interferire nell'insegnamento della Chiesa Cattolica sulla dignita' della persona umana e nell'esercizio della liberta' religiosa''.

Lombardi, pur sottolineando che ''non e' il caso di parlare di scontro fra l'Onu e il Vaticano'' e tornando a riconoscere che le Nazioni Unite sono una realta' molto importante per l'umanita' di oggi'' a cui la Santa Sede ha sempre dato ''un forte supporto morale'', ha pero' aggiunto che ''il modo di presentare le obiezioni e l'insistenza su diversi casi particolari sembrano insinuare che si sia data molta maggiore attenzione a Ong ben note, pregiudizialmente contrarie alla Chiesa cattolica e alla Santa Sede, che non alle posizioni della Santa Sede stessa, firmataria della Convenzione, che pure e' stata disponibile a un dialogo approfondito con il Comitato''. ''E' tipico, infatti, di tali organizzazioni - ha sototlineato ancora il direttore della Sala Stampa Vaticana - non voler riconoscere quanto e' stato fatto dalla Santa Sede e nella Chiesa in questi anni recenti, nel riconoscere errori, nel rinnovare le normative, nello sviluppare misure formative e preventive''. gc/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Roma
Roma, truffe con falsi incidenti: arrestati 6 medici e 2 avvocati
Napoli
Napoli, assenteismo ospedale Loreto Mare: 94 indagati, 55 arresti
Campidoglio
Roma, Raggi in ospedale per controlli dopo un lieve malore
Campidoglio
Roma, medici: Raggi in netto miglioramento, si valuta uscita
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech