giovedì 08 dicembre | 08:04
pubblicato il 27/ago/2011 11:41

Paura per l'uragano Irene, tutta costa Est degli Usa in emergenza

Militari pronti, uragano in arrivo nella mattinata di oggi

Paura per l'uragano Irene, tutta costa Est degli Usa in emergenza

Roma, 27 ago. (askanews) - Guardia nazionale schierata, stato di emergenza su tutta la costa Est, migliaia di sacchi di sabbia pronti e trasporti marittimi e cittadini interrotti. Mentre l'uragano Irene continua l'avanzata verso New York e il New England gli Stati più a Sud si preparano all'impatto con la perturbazione, previsto per le prime ore del mattino di oggi, ora locale. Irene, declassato a categoria 1 dopo che i suoi venti sono scesi sotto i 144 chilometri orari, dovrebbe toccare la costa statunitense in Nord Carolina e poi proseguire la sua corsa verso Nord e arrivare nelle prossime 24 ore a New York. Secondo gli esperti l'onda che toccherà la costa sabato potrebbe essere alta fino a 3,3 metri. Nella Grande Mela sono circa 250mila le persone pronte all'evacuazione e 900 i militari della Guardia Nazionale schierati. Allagamenti sono previsti anche a Washington a causa delle forti piogge in arrivo. La città si trova così ad affrontare la seconda grave emergenza in pochi giorni, dopo il terremoto di magnitudo 5.8 di meno di una settimana fa. Nel frattempo in dieci Stati è partito lo stato di emergenza, da ultimo nel Connecticut, a Nord di New York. In Nord Carolina è pronta anche la Guardia Nazionale per far fronte all'emergenza. Secondo quanto riporta la Cnn sono già a disposizione aerei militari C-130 e elicotteri Blackhawk. Nello Stato le evacuazioni sono in corso in 18 contee. Emergenza anche nel Maryland dove l'intera città di Ocean City è stata fatta evacuare ieri pomeriggio. In tutte le principali località sulla costa i trasporti pubblici saranno interrotti nelle prossime ore, compresa New York dove i cittadini che useranno gli autobus finché il servizio sarà in funzione non dovranno pagare il biglietto per la durata dell'emergenza. Nella Grande Mela i celebri ponti che collegano Manhattan con gli altri quartieri potrebbero essere chiusi nel caso il vento superi i 100 chilometri orari. Molte scuole inoltre hanno rinviato la data di rientro dalla vacanze. Solo tra Virginia e Carolina del Nord sono oltre 500 i militari schierati. Almeno 38 navi militari sono state fatte allontanare dalla costa per evitare ulteriori danni, il cui bilancio potrebbe essere altissimo almeno in termini economici.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Sicurezza
Gabrielli: militari non c'entrano con controllo territorio
Camorra
Intreccio camorra-politica: 11 arresti in Irpinia
Maltempo
Allerta protezione civile: pioggia e temporali sulla Sicilia
Papa
Papa: terrorismo ammala e deforma religione, non c'è Dio di odio
Altre sezioni
Salute e Benessere
Robot indossabile ridà capacità di presa a persone quadriplegiche
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni