lunedì 05 dicembre | 19:45
pubblicato il 28/mag/2014 13:58

Paura a Secondigliano, bomba distrugge una pasticceria

L'ombra del racket sul gesto, vicina la scuola visitata da Renzi

Paura a Secondigliano, bomba distrugge una pasticceria

Napoli, (askanews) - Paura nel quartiere napoletano di Secondigliano, nella periferia nord della città. L'esplosione di una bomba ha letteralmente distrutto una pasticceria, che si trova poco lontano dalla scuola "Parini" di recente visitata dal premier, Matteo Renzi. Notevoli i danni che hanno interessato anche agli edifici circostanti e le auto parcheggiate nelle vicinanze. Tanta la paura tra gli abitanti della zona ma non ci sono state vittime né feriti.Sul posto si sono recati i vigili del fuoco oltre alle pattuglie di carabinieri e polizia. Nella zona c'è un alto tasso di criminalità connesso al traffico di droga. Gli inquirenti indagano per capire il movente dell'esplosione e se dietro il gesto possa esserci l'ombra del racket, anche se non viene tralasciata alcuna pista, compresa una deflagrazione dovuta a cause accidentali.

Gli articoli più letti
Maltempo
Allerta maltempo: temporali sulle due Isole e sulla Calabria
Immigrati
Guardia costiera: salvati 231 migranti nel Mediterraneo
Altre sezioni
Salute e Benessere
Diabete, arriva in Italia penna con concentrazione doppia insulina

Roma, 5 dic. (askanews) - Un'iniezione "morbida", più facile, e una penna con il doppio delle unità di insulina disponibili per ridurre il numero di device da gestire: un...

Enogastronomia
Festa a Roma con Heinz Beck per i 30 anni del Gambero Rosso
Turismo
Eden Travel Group, il SalvaVacanza spinge l'advance booking
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Spazio, nuovo successo per il razzo italiano Vega
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari