sabato 03 dicembre | 16:42
pubblicato il 29/mar/2013 12:00

Pasqua/ Per 1 italiano su 2 venerdì di pesce, in calo del 13%

Coldiretti: costretti a risparmiare anche su pranzo Pasqua

Pasqua/ Per 1 italiano su 2 venerdì di pesce, in calo del 13%

Roma, 29 mar. (askanews) - Il venerdì Santo il pesce è protagonista sulle tavole di quasi un italiano su due (47 per cento) anche se rispetto allo scorso anno ben il 13 per cento rinuncia piu' per motivi economici che per volontà di abbandonare la tradizione religiosa. E' quanto emerge da un sondaggio on line sul sito www.coldiretti.it effettuato in occasione del tradizionale appuntamento che precede la Pasqua, dal quale emerge anche che il 41 per cento dei cittadini si comporterà come gli altri giorni mentre il 12 per cento si manterrà leggero o addirittura starà a digiuno. Una tendenza alla sobrietà in linea con quanto previsto per il pranzo di Pasqua per il quale - sottolinea la Coldiretti - saranno spesi 1,1 miliardi di euro circa il 10 per cento rispetto allo scorso anno, anche per effetto del risparmio ottenuto con la preparazione di menu semplici della tradizione che otto italiani su dieci consumeranno a casa. In questo contesto - precisa la Coldiretti - particolarmente importante è l'operazione "Pasqua sicura" realizzata dai NAC, Nuclei Antifrodi Carabinieri del Comando Carabinieri Politiche Agricole e Alimentari che hanno intensificato le attività di vigilanza sulle produzioni agroalimentari con il sequestro di oltre 7.000 kg prodotti tra cui paste, come ravioli, tortelloni, fiocchetti, etc., e salumi, che vengono maggiormente commercializzati nel periodo pasquale. Si stima per il solo venerdì - precisa la Coldiretti - un consumo complessivo di circa 20 milioni di chili di pesce e una spesa di 250 milioni di euro, nel rispetto di un precetto religioso che è diventato parte integrante delle tradizioni delle famiglie italiane. Se si vuole acquistare prodotto pescato del Mediterraneo, controllare che la carne abbia una consistenza soda ed elastica, che le branchie abbiano un colore rosso o rosato e che siano umide e gli occhi non siano secchi o opachi, mentre l'odore non deve essere forte e sgradevole. Infine meglio non scegliere i pesci già mutilati della testa e delle pinne.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Disturbi del sonno? 10 regole ambientali per dormire meglio
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari