lunedì 05 dicembre | 15:43
pubblicato il 02/mar/2013 17:08

Parroci di Pomigliano: "Dare ai rifugiati le case della Camorra"

L'appello dopo che 52 nordafricani sono rimasti senza dimora

Parroci di Pomigliano: "Dare ai rifugiati le case della Camorra"

Pomigliano d'Arco, (askanews) - Dare ai rifugiati le case confiscate alla Camorra. Lo chiedono i parroci di Pomigliano d'Arco, il paese partenopeo dove due anni fa hanno trovato un ricovero cinquantadue giovani africani, sfuggiti dalla guerra civile in Libia. In questo periodo sono stati ospitati in un albergo col contributo dello Stato. Ma oggi che secondo il governo in Libia è finita l'emergenza, si conclude anche l'assistenza. "E' una situazione nuova per la città. Noi dobbiamo immaginare questi ragazzi per strada senza un alloggio, senza vitto, con tutto quello che comporta anche in termini di igiene e di incolumità per la città":i l rischio dello scoppio di tensioni a Pomigliano è tangibile, secondo don Peppino Gambardella, tra i parroci che tentano di trovare una soluzione per far restare i rifugiati sul territorio. "E un problema - ha detto - che interpella la nostra coscienza civica ma anche la nostra coscienza di cristiani". I parroci hanno scritto al sindaco di Pomigliano, il quale se la prende con il governo che ha "scaricato il problema sul Comune campano". Ma intanto qualcosa si è mosso nella macchina della solidarietà. "Il direttore dell'albergo - ha detto don Gambardella - ha sospeso per qualche giorno il provvedimento di estrmettere dalla struttura i ragazzi".

Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Festa a Roma con Heinz Beck per i 30 anni del Gambero Rosso
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari