giovedì 08 dicembre | 19:46
pubblicato il 29/nov/2011 16:22

Parmalat/ Tribunale Parma condanna Geronzi a 5 anni per Ciappazzi

Per Matteo Arpe 3 anni e 7 mesi, l'accusa è bancarotta

Parmalat/ Tribunale Parma condanna Geronzi a 5 anni per Ciappazzi

Milano, 29 nov. (askanews) - Il Tribunale di Parma ha condannato oggi Cesare Geronzi a una pena di cinque anni, per le accuse di bancarotta fraudolenta e usura nell'ambito del processo Ciappazzi, uno dei filoni nati dal crac del gruppo Parmalat. L'ex presidente di Capitalia, Mediobanca e Generali è accusato di bancarotta fraudolenta e di usura aggravata. I giudici hanno, inoltre, condannato a 3 anni e 7 mesi Matteo Arpe, allora amministratore delegato di Capitalia, con l'accusa di bancarotta. Il processo riguarda la vendita alla Parmalat delle acque minerali Ciappazzi, che l'azienda di Calisto Tanzi acquistò dal gruppo Ciarrapico.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Immigrati
A Pozzallo sbarcati 573 migranti: duecento soccorsi in ipotermia
Papa
Papa: prego per bambini, famiglie che fanno fatica e lavoratori
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni