lunedì 23 gennaio | 05:26
pubblicato il 18/apr/2011 14:31

Parmalat/ Banche estere assolte, spazzati via anni di indagini

Pm aveva chiesto confisca di 120 mln, tutto azzerato

Parmalat/ Banche estere assolte, spazzati via anni di indagini

Milano, 18 apr. (askanews) - In pochi minuti il presidente del collegio, Gabriella Manfrin, leggendo il dispositivo con cui ha assolto quattro banche estere in relazione al crack Parmalat ha spazzato via anni di indagini e di udienze preliminari e processuali. Le banche estere Citibank, Bank of America, Deutsche Bank e Morgan Stanley non furono complici di Calisto Tanzi nel diffondere false informazioni al mercato sui bond. Del resto, nel processo a Tanzi i funzionari di Bank of America erano stati assolti e la sentenza emessa oggi sembra ricalcare quello schema interpretativo, anche se per saperlo con certezza bisognerà apsettare tre mesi e leggere le motivazioni dei giudici della seconda sezione penale del Tribunale di Milano. "Non era successo nulla", è il primo commento dell'avvocato Nerio Diodà, legale di Citibank che popi aggiunge: "Un grande grazie al tribunale, ha dimostrato forza e indipendenza. C'erano non poche pressioni intorno a questo processo". E le vittime, i risparmiatori? "Per ragioni morali Citibank ha risarcito e molti di loro hanno revocato la costituzione di parte civile". Il pm aveva chiesto confische per quasi 120 milioni di euro, oltre che una sanzione di 900mila euro per ognuna di esse. In particolare a Citigroup era stata chiesta una confisca di 70 milioni di euro, a Bofa di 30 milioni, a Morgan Stanley di 5,9 milioni e a Deutsche Bank di 14 milioni. Inoltre, il pm Eugenio Fusco, sostenendo l'accusa assieme al collega Carlo Nocerino e al procuratore aggiunto di Milano Francesco Greco, aveva chiesto condanne che vanno da un anno a un anno e 4 mesi, con la concessione delle attenuanti generiche perchè incensurati, per i manager coinvolti nella vicenda del crac Parmalat: si tratta di Carlo Pagliani, Paolo Basso (entrambi di Morgan Stanley), Marco Pracca, Tommaso Zibordi (Deutsche Bank) e Paolo Botta (di Citibank). Tutte queste richieste sono state giudicate insussistenti dal tribunale. Il processo era stato aperto nel gennaio del 2008, mentre l'inchiesta - che a Milano rappresenta il secondo filone sul caso Parmalat - era stata chiusa nel maggio 2005. Parte civile erano circa 40 mila risparmiatori Parmalat.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Maltempo
Valanga hotel Rigopiano, il numero dei dispersi sale a 24
Terremoti
Enel: diga Campotosto sicura ma deciso un ulteriore svuotamento
Terremoti
Terremoto, pres. Grandi rischi: dighe Campotosto rischio Vajont
Maltempo
Hotel Rigopiano, Curcio: c'è speranza di trovare dispersi vivi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Nuove postazioni di telemedicina italiana no profit in Africa
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4