venerdì 24 febbraio | 05:15
pubblicato il 23/ott/2013 18:41

Parlamento Ue: no a sanzioni per soccorsi in mare a immigrati

Strasburgo "contro" la Bossi-Fini: serve un punto di svolta

Parlamento Ue: no a sanzioni per soccorsi in mare a immigrati

Strasburgo (askanews) - Il Parlamento europeo ha votato una risoluzione bipartisan nella quale si chiede di cambiare le norme sulle sanzioni a chi presta soccorso in mare ai migranti in difficoltà. Il voto appare come un implicito riferimento alla legge Bossi-Fini, che segue le forti polemiche sul tragico naufragio di Lampedusa del 12 ottobre.La plenaria del Parlamento ha ribadito che tragedie come quella di Lampedusa devono "segnare un punto di svolta per l'Europa". Eventi simili, secondo gli eurodeputati possono essere evitati solo adottando "un approccio coordinato, basato sulla solidarietà e sulla responsabilità, coadiuvato da strumenti comuni". Strasburgo inoltre chiede assistenza umanitaria per i sopravvissuti ed esorta la Ue e gli Stati membri a modificare o rivedere le loro normative in vigore, per garantire che le persone non possano essere punite per aver prestato assistenza a migranti in difficoltà in mare.

Gli articoli più letti
Maltempo
Allerta protezione civile: in arrivo venti forti al Centro-Nord
Ambiente
Scoperta una nuova specie di mammifero: lo scoiattolo meridionale
Papa
Papa: scandaloso dire "sono cattolico" e riciclare denaro
Berlusconi
Berlusconi a pm: minacce da olgettina, voleva 1 mln per tacere
Altre sezioni
Salute e Benessere
Tribunale malato: per 1 medico su 3 troppo poco tempo per paziente
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Scoperta una nuova specie di mammifero: lo scoiattolo meridionale
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
I 7 gemelli della Terra: il parere dell'astronauta Maurizio Cheli
TechnoFun
Internet of Things: dopo la "nuvola" si studia la "nebbia"
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech