venerdì 09 dicembre | 07:01
pubblicato il 14/feb/2013 17:32

Papa: resto vicino a voi anche se nascosto al mondo

Papa: resto vicino a voi anche se nascosto al mondo

(ASCA) - Citta' del Vaticano, 14 feb - ''Grazie per essere stati vicino a me in questi giorni, anche io restero' a voi vicino''. Lo ha detto papa Benedetto XVI rivolgendosi al clero romano. Il papa ha sottolineato che si ritirera' in preghiera e sara' in qualche modo ''nascosto l mondo''. Nel Concilio Vaticano II, ha detto il papa, parlando a braccio ai parroci, ''tutti credevamo che si doveva procedere nel rinnovamento, una nuova Pentecoste'' per la Chiesa. Il Concilio Vaticano II porto' ad affermare che ''noi siamo la Chiesa, tutti insieme, non una struttura. Ma noi cristiani siamo il corpo della Chiesa''. Il pontefice ha poi ricordato le discussioni sul concetto di ''collegialita''' nella Chiesa affermando che nei lavori conciliari ci fu, forse, su questo tema ''una discussione esagerata, forse accanita''. Ma, ha chiarito, ''non si e' trattato di una lotta di potere ma una ricerca di completezza nel corpo della Chiesa'' affermando che i vescovi sono ''elemento portante della Chiesa''. ''Le calamita' e le miserie'' seguite, per la Chiesa, al Vaticano II sono state la conseguenza del prevalere ''del Concilio dei media, piu' accessibile a tutti, sul Concilio vero''. Il papa ha ricordato che ''il mondo ha percepito il Concilio tramite i media. Il Concilio dei Padri era tutto all'interno della fede, il Concilio dei giornalisti, era nella categoria del mondo, fuori dalla fede e con l'ermeneutica politica. Insomma per loro era una lotta politica e di potere''. Da qui, secondo papa Ratzinger, si cristallizzarono le posizioni che portarono anche a banalizzare la liturgia e ad intendere la sacralita' come un puro fatto di paganesimo. ''La traduzione e la banalizzazione dell'idea del Concilio - ha poi spiegato - fece emergere una visione di quella assise fuori dalla chiave di fede''. Ma questa visione errata, a 50 anni dal Concilio, ha poi concluso il papa, si sta ''rompendo'' facendo apparire ''il Concilio vero''. Da qui l'invito a lavorare per una sua piena e vera attuazione anche oggi. Nessuna modifica legge, Conclave in tempi gia' annunciati. ''Ribadisco che non mi risulta che siano allo studio modifiche della Costituzione e, quindi, il Conclave potrebbe svolgersi in una data da fissare tra il 15 e il 20 marzo prossimi''. Lo ha detto padre Federico Lombardi, portavoce della Sala stampa Vaticana. Quello di Benedetto XVI, ha aggiunto Lomardi, e' ''un nome al quale non si puo' rinunciare, e' un titolo inalienabile'' per Joseph Ratzinger anche dopo la rinuncia al suo ministero. Lombardi ha, quindi, specificato che siamo ancora nella fase degli ''autori con diverse opinioni'' e che nessuna indicazione ''definitiva e attendibile'' e' stata fornita da quanti stanno studiando la questione. Il portavoce ha, infine, detto che e' ''buono'' parlare per il caso di Benedetto XVI di ''rinuncia'' e non di ''dimissioni''. red/int

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Immigrati
A Pozzallo sbarcati 573 migranti: duecento soccorsi in ipotermia
Papa
Papa: prego per bambini, famiglie che fanno fatica e lavoratori
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni