mercoledì 22 febbraio | 00:33
pubblicato il 04/ott/2013 11:38

Papa: prego per Italia. Si lavori per bene comune e per unire

(ASCA) - Assisi, 4 ott - ''Preghiamo per la Nazione italiana, perche' ciascuno lavori sempre per il bene comune, guardando a cio' che unisce piu' che a cio' che divide''. Questo il pensiero di papa Francesco rivolto al nostro paese di cui il Poverello di Assisi e' patrono ed ha voluto anche dare ''l'augurio a tutti gli italiani e al capo del governo qua presente''. Il pontefice, concludendo la sua omelia della messa celebrata nella Piazza antistante la Basilica Inferiore ha detto di voler far sua proprio la preghiera di san Francesco ''per Assisi, per l'Italia, per il mondo: 'Ti prego dunque, o Signore Gesu' Cristo, padre delle misericordie, - e' stata l'orazione - di non voler guardare alla nostra ingratitudine, ma di ricordarti sempre della sovrabbondante pieta' che in [questa citta'] hai mostrato, affinche' sia sempre il luogo e la dimora di quelli che veramente ti conoscono e glorificano il tuo nome benedetto e gloriosissimo nei secoli dei secoli.

Amen''.

gc/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Omicidio Scazzi
Omicidio Scazzi, ergastolo per Sabrina Misseri e Cosima Serrano
Mafia
Chieti, operazione antimafia dei Carabinieri: 19 arresti
Roma
Fiumicino "si offre" per stadio Roma: 'Qui tutto ciò che serve'
'Ndrangheta
'Ndrangheta, operazione Ros contro cosca Piromalli: 12 arresti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Percorso rapido per emergenze al Fatebenefratelli Roma
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Peroni Senza Glutine sul podio del World Gluten Free Beer Award
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Elicotteri italiani AW-139 in Pakistan, nuovo ordine per Leonardo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia